Guarda bene la bollettaIl buco

Il valore delle bollette di luce gas non pagate, in carico alle società di recupero del credito, era di 6,4 miliardi nel 2015.Non sappiamo quante altre società non abbiano ancora fatto ricorso al...

Il valore delle bollette di luce gas non pagate, in carico alle società di recupero del credito, era di 6,4 miliardi nel 2015.

Non sappiamo quante altre società non abbiano ancora fatto ricorso al servizio, mentre per l’acqua si parla da tempo di 5 miliardi.

La palla passa così agli intermediari finanziari, prevalentemente stranieri, che comprano a sconto le bollette scadute e provano a recuperare il credito attraverso formule negoziali o piani di rimborso, con un costo che va dal 2% al 10% del valore nominale.

Senza approfondire come faranno, tanto lo schema é lo stesso dei mutui o dei NPL, e ipotizzando un 2016 peggiore del 2015, ricordiamo che un terzo della bollette va al fornitore, un terzo agli oneri di sistema e l’ultimo allo Stato.

Quindi, nell’ottimistica ipotesi che il buco per luce e gas sia di dieci miliardi, le società fornitrici meno capitalizzate salteranno, lo stato incasserà 3,3 miliardi in meno e il sistema che garantisce le infrastrutture di trasporto e distribuzione, oltre agli incentivi alle rinnovabili e assimilate, dovrà rinunciare a un quinto di quanto previsto.

A chi verrà chiesto di coprire il buco ?

www.edoardobeltrame.com

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020