Radical CafeVoglio un’Italia all’altezza di Stefano

Oggi ho conosciuto Stefano, taxista di Milano. Durante il viaggio Stefano mi ha raccontato un pezzo della sua storia: informatico lasciato a casa un anno fa dai tagli che ha dovuto fare l’azienda p...

Oggi ho conosciuto Stefano, taxista di Milano. Durante il viaggio Stefano mi ha raccontato un pezzo della sua storia: informatico lasciato a casa un anno fa dai tagli che ha dovuto fare l’azienda per la quale lavorava. Non riuscendo a ricollocarsi si è fatto un mutuo di € 200.000 per comprare auto, allestimento e licenza e mettersi in proprio e, per pagarlo, e mantenere moglie e due figlie lavora 7 su 7, 12 ore al giorno. Stefano mi ha detto di non essere contro Uber: “è solo da regolamentare perché la tecnologia non la puoi fermare per legge, quando ho iniziato a fare questo mestiere mi hanno chiesto una cifra spropositata per aderire a RadioTaxi allora ho aderito all’app MyTaxi con la quale pago solo la percentuale sulla corsa ed ho clienti giovani che non fanno mai storie.” Oggi grazie alla concorrenza di MyTaxi, per aderire a RadioTaxi è sufficiente pagare il costo dell’apprecchio da installare sulla macchina e comunque Stefano non lo installerà, perché non ha voglia “di portare le vecchiette al cimitero”.
Io voglio un’Italia all’altezza di Stefano.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta