EgonewsStartitaly, il mini-documentario sul mondo delle startup in Italia

La prima società di Venture Capital nasce negli Stati Uniti nel 1946, la ARDC, con l'obiettivo di finanziare aziende tecnologiche a seguito della seconda guerra mondiale. In Italia la parola "Sta...

La prima società di Venture Capital nasce negli Stati Uniti nel 1946, la ARDC, con l’obiettivo di finanziare aziende tecnologiche a seguito della seconda guerra mondiale. In Italia la parola “Startup” è stata utilizzata per la prima volta da un giornale italiano autorevole nel 2008.
Nel 2017 le 6.800 startup italiane hanno registrato i seguenti dati:

  • 88 mila euro di fatturato medio annuo
  • il 56% delle startup non ha dipendenti donne
  • l’86,5% degli startupper sono uomini
  • il 50% dei siti internet risultano non essere funzionanti
  • l’80% delle startup fallisce entro 3 anni
  • Il 62% degli startupper ha più di 35 anni

Questi sono solamente alcuni dei dati raccolti dalla società Egomnia, insieme all’aiuto dell’associazione JEME Bocconi, sul mondo delle startup in Italia. Dati che analizzano le anagrafiche degli amministratori, il livello di digitalizzazione, l’utilizzo dei fondi pubblici e tanti altri fattori che posizionano l’Italia tra gli ultimi posti in Europa.

La ricerca svolta (Disponibile qui) è diventata un mini-documentario che Egomnia ha prodotto, coinvolgendo lo Youtuber SilverBrain (con oltre 258 mila iscritti), dal titolo “Startitaly“.

Guarda il documentario su Youtube

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta