Sapore d’estate
15 Giugno Giu 2019 0600 15 giugno 2019

Estate a Milano? Ecco le 5 migliori gelaterie dove correre a rinfrescarsi

Il gelato non è proprio un’invenzione dei milanesi. D’altra parte, Milano è la capitale italiana dell’enogastronomia non a caso. Tra botteghe storiche e nuove aperture, ecco cinque indirizzi dove gustare un ottimo gelato

Gelato_Linkiesta
Unsplash

Eh no, il gelato non è proprio un’invenzione dei milanesi. Pertanto, se siete dei consumatori integralisti, di quelli che assaggiano un cibo solo nel luogo in cui è stato inventato e si è affermato, Milano non è proprio il posto giusto per assaggiare un gelato. Ma se siete degli scafati gourmet e vi piace semplicemente mangiare bontà comprovate siete all’indirizzo giusto. Milano è la capitale italiana dell’enogastronomia non a caso. Qui trovate (quasi) di tutto. E, di conseguenza, trovate anche dell’ottimo gelato. Un prodotto straordinario: difficile che non piaccia. Più complicato trovare l’accordo sulla gelateria preferita. E Milano è piena di botteghe artigianali – alcune storiche, altre nuovissime - capaci di realizzare gelati prelibati: scelta sempre più vasta grazie all’abilità dei maestri gelatai e alla ricca diversità di gusti e di proposte.

Noi abbiamo scelto cinque gelaterie, ma siamo sicuri che ciascuno potrebbe giustamente segnalarne tante altre, sulla base dell’esperienza diretta. Per oggi partiamo da qui.

Paganelli

Non lasciatevi tradire dalla posizione, così vicina alla Stazione Centrale. Non è affatto detto che una bottega nei pressi della stazione dei treni debba essere di minor qualità. Di sicuro non è così qui a Milano. Avviata nel 1930 da Ugo Paganelli, la gelateria da oltre vent’anni è nelle mani del nipote Francesco, artigiano appassionato che ha portato il nome di famiglia nel punto più alto del panorama del gelato milanese, con cura nella selezione degli ingredienti e grande tecnica e creatività. Ogni giorno nel locale si può gustare qualcosa di nuovo, dai sorbetti insoliti con i vini del giorno alla frutta di stagione, perché qui i gusti cambiano di continuo a seconda della disponibilità delle materie prime e della fantasia del gelatiere. Specialità della casa è il gusto Principe, cioccolato venezuelano aromatizzato al caffè con anice stellato e cardamomo, ma non mancano anche le classiche creme. Cercate abbinamenti originali? Presto soddisfatti con pistacchio al peperoncino e mascarpone con fichi caramellati.

Ciacco

Stefano Guizzetti, tecnologo alimentare, è la mente ispiratrice di questo marchio ormai consolidato. La lista degli ingredienti non prevede nulla di artificiale ed è sempre breve. Sono le creme a fare la parte del leone, in particolare quelle alla mandorla, al pinolo e al caffè, ma anche la cheesecake – a base di robiola e confettura di lamponi – e la noce. Colpisce lo Zabajone al Marsala Riserva Cantine Pellegrino. Da gustare il Pistacchio di Bronte Dop (cultivar Bianca Brontese). Il Bergamotto è una sferzata di acidità e di freschezza. L’insegna nasce a Parma, ma bissa presto con altri indirizzi anche a Milano e Bergamo. La filosofia artigianale si basa da sempre sullo stesso motto: “Gelato senz’altro”, ovvero senza utilizzo alcuno di addensanti, coloranti, conservanti e aromi. Zero additivi artificiali e ingredienti di prima scelta caratterizzano i gusti della gelateria, leggeri e facili da digerire. Per i vegani o gli intolleranti al lattosio, Ciacco è l’oasi ideale: offre una linea interamente priva di latte, come, per esempio, il sorbetto alle arance rosse di Sicilia, o alla fragola della Basilicata, ma anche tutte le granite di frutta.

Il Massimo del Gelato

Massimo è il proprietario e il gelatiere di questo negozietto in zona Sempione che propone un eccellente prodotto artigianale. Questa gelateria è ormai entrata da tempo nel cuore dei milanesi, probabilmente grazie a una selezione di gusti al cioccolato senza rivali. La specialità è, senza se e senza ma, il gelato al cioccolato, presentato in ben 10 golose versioni tra cui il Domori, “Giamaica al rhum”, “cioccolato, amarena, caffè e Rosolio”, cannella e peperoncino. Ottimo il fondente cento per cento che qui hanno ribattezzato “Oro Puro”. Anche il pistacchio è davvero molto buono, con una discreta sapidità che non è il frutto di aggiunte di ingrediente. Così come è squisito il gusto alla mandorla di Noto. Entrambi vantano ingredienti autoctoni con frutta secca cento per cento made in Sicily. Qui è possibile degustare anche le granite, di pura frutta fresca, la pasticceria fredda, la pralineria e le gocce di Vigna (albicocche armogiane, sorbetto di passito di Pantelleria, il tutto ricoperto da cioccolato fondente).

Via Marghera

Nel cuore della zona Fiera, è davvero il paradiso del gelato. Qui si può gustare il gelato in ogni sua forma: dal classico gelato in cono, cialda o coppetta, ai biscotti, tartufini, ghiaccioli di frutta fresca, torte gelato, bon bon, cono torta, ghiaccioli, “kubetti”, cassatelle, praline, liquirini e molto altro. Il gelato è rigorosamente artigianale ed è possibile scegliere tra tantissimi gusti: lunghissimo il bancone dedicato solo ai gusti alla frutta. Come dicono i titolari, “l’unico vero modo di rimanere aggiornati su tutti i nostri prodotti, è passare spesso a trovarci. Ogni giorno ci inventiamo qualcosa di buono, per fare festa”. La bottega di via Marghera ha una storia lunga e consolidata: proprio quest’anno festeggia i 40 anni di attività. Spesso è assalito da una folla di golosi ma i ragazzi servono velocemente.

Pavè

La regina del laboratorio è Simona Carmagnola. Dopo quasi dieci anni di esperienza presso la Gelateria de’ Coltelli di Pisa, questa artista del gelato è tornata nella sua città natale. I suoi prodotti sono gustosi e leggeri. Il pistacchio è delizioso, con un bel colore vivo. Sorprende il cioccolato biondo, lime e sale, goloso e fresco. Da provare il gusto mandorle e marasche, un classico della ditta. I gusti variano periodicamente e riprendono alcuni dei cavalli di battaglia della pasticceria classica come la sbrisolona, il pane burro e marmellata, e la tarte tatin. Ad affiancarli, gli intramontabili pistacchio, vaniglia, nocciola Igp, proposta sia in versione gelato che sorbetto. Il locale offre anche ottime granite di vario genere, dal caffè agli agrumi di Sicilia, oltre a tavolette di cioccolato maison, biscotti secchi e altre prelibatezze firmate Pavé. Tra le più interessanti c’è quella fragola e rabarbaro.

La gelateria rappresenta una delle attività di Diego Bamberghi, Giovanni Giberti e Luca Scanni, i tre soci ideatori del bar Pavé, uno dei bar migliori della città per format e offerta. Pavé – Gelati & Granite è la seconda tappa imprenditoriale dei tre amici che, dopo il successo della prima insegna, hanno deciso di scommettere sul gelato artigianale di qualità.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook