Cosa fa di Zuckerberg l’imprenditore più amato dai suoi dipendenti?

Secondo il sito Glassdoor Mark Zuckerberg è il capo più apprezzato sulla faccia della terra, con un tasso di gradimento del 98%. Cosa fa di lui il capo più amato? Sicuramente le strutture aziendali. Ma non solo

Cosa rende Mark Zuckerberg il capo più amato dai suoi dipendenti? Mr Facebook ha infatti battutto un altro record, segnando un tasso di gradimento del 98%, secondo un sondaggio Glassdoor. Amato dai suoi dipendenti e dal mercato, dunque, visto il profitto record seganto nell’ultimo trimenstre (+51%, +3,57 miliardi di dollari). Da anni ormai si sa che Facebook sia l’azienda dei sogni in cui lavorare: il gigantesco campus aziendale a Menlo Park, con parchi, uffici completi di zona relax e ristoranti dalle cucine curatissime, rendono la vita lavorativa molto più agiata.

“La cosa davvero interessante è che siamo motivati costantemente a risolvere i problemi che ci stanno più a cuore,” racconta su Glassdoor uno degli ingegneri dell’area tecnica, ricordando l’enorme scritta all’interno degli uffici: “Make impact”, crea un impatto, perché la mission dell’azienda è chiara: permettere a chiunque di entrare in relazione con gli altri. “Lavoriamo in piccoli gruppi e ci muoviamo molto velocemente per sviluppare nuovi prodotti. Un altro nostro motto è “this journey is 1% finished,” questo viaggio è finito solo per l’1%, il che ci ricorda che abbiamo appena iniziato a completare la nostra missione, per rendere il mondo più aperto e più connesso.”

Continua a leggere su Morning Future

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta