Cin cin Wine Enthusiast premia il Trentino

È la regione vinicola dell’anno secondo il magazine dedicato all’enologia tra i più conosciuti al mondo: un riconoscimento a un territorio che ha saputo mescolare vigneti, abilità, comunicazione e marketing

È il Trentino la Wine Region of the Year 2020 per Wine Enthusiast, magazine del vino tra i più conosciuti al mondo. Si tratta di un riconoscimento inserito all’interno dei consueti Awards che la rivista americana assegna a quelle persone, a quelle cantine, a quei territori che nel corso dei 12 mesi precedenti si sono distinti per le qualità delle loro produzioni. Un titolo che giunge dopo quelli del 2018 a Sonoma County, in California, e del 2019 alla Champagne, in Francia.

«Una vera star del vino, il Trentino è oggi una delle aree vitivinicole più dinamiche, poliedriche e di qualità nel mondo» commenta Adam M. Strum, C.E.O. e Editore Wine Enthusiast Magazine. Che continua: «Con il suo delizioso Chardonnay fresco e fruttato, il Pinot Grigio e l’elegante Pinot Nero e i rinomati spumanti Trento DOC, di classe mondiale, il Trentino non ha rivali in Italia per la ricchezza del suo patrimonio enologico».

Il Trentino, che rappresenta appena l’1,6% della superficie vitata nazionale con i suoi 10.000 ettari, produce vini riconosciuti in tutto il mondo grazie al lavoro di 164 cantine e circa 7.000 viticoltori, impegnati nella produzione di vini fermi da varietà autoctone o internazionali e di spumanti, i famosi Trentodoc.

Il 70% del territorio trentino si trova sopra i 1000 metri di quota, il 20% sopra i 2000. Qui, dove la coltivazione della vite è particolarmente frazionata e dove tantissimi vigneti sono situati in piccoli fazzoletti di terra rubati alla montagna, il comparto vitivinicolo è impegnato nella coltivazione soprattutto di varietà a bacca bianca, il 77% del totale per una produzione totale di circa 1 milione di ettolitri di vino e mosto, destinato per l’80% alla produzione di vini a Denominazione di Origine Controllata: si tratta di una delle più elevate percentuali di utilizzo a livello nazionale.

Entusiasmo da parte di Pietro Patton, Presidente del Consorzio Vini del Trentino: «Siamo molto soddisfatti di questo risultato. Essere Wine Region of the Year rappresenta una occasione importante per la promozione della nostra provincia, della nostra identità e dei nostri valori e testimonia come le nostre radici, in particolare la lunga tradizione vinicola rappresenti anche un elemento straordinariamente moderno per presentarci all’estero e la produzione di vini fermi una leva importante per la crescita delle aziende trentine».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta