Trenta denariVegas dì qualcosa da presidente Consob sull’exploit Fon-Sai

Non vorremmo distrarre il presidente della Consob Giuseppe Vegas dall’«indossare i panni che normalmente vestono i consulenti di gruppi privati» in merito all’operazione congegnata da Mediobanca pe...

Non vorremmo distrarre il presidente della Consob Giuseppe Vegas dall’«indossare i panni che normalmente vestono i consulenti di gruppi privati» in merito all’operazione congegnata da Mediobanca per l’aggregazione Fondiaria Sai-Unipol.

Ma ci permettiamo sommessamente di far notare il grafico qui in basso. In quattro sedute il titolo Fon-Sai è salito del 60 per cento, il 14,7% nella seduta di venerdì 3.

Andamento di Fondiaria Sai nel 2012 (prezzi e volumi)

Le strutture della Consob stanno giustamente monitorando i movimenti di Fon-Sai come quelli delle altre società interessate dall’aggregazione annunciata (Premafin, Milano, Unipol).

Ma forse ci vorrebbe qualcosa di più: qualcosa che solo un Presidente può fare. Per usare una metafora cara a Vegas, occorre «intervenire possibilmente prima del furto, non dopo aver letto i mattinali della polizia». Non per dare buoni consigli, ma per pretendere un doveroso chiarimento. Sul mercato si rumoreggia di un’Opa di Axa, addirittura intorno a 3 euro: è vero o no? Forse sarebbe il caso di chiedere una posizione ufficiale in quel di Parigi. Sennò, prima che vada in porto il salvataggio di Fondiaria Sai, ci toccherà passare un po’ mesi a leggere sui mattinali resoconti così:

Twitter: @lorenzodilena

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta