La creatività in carcereNel 2012 calano i detenuti al lavoro

E’ diminuito il numero dei detenuti che lavorano e il budget disponibile sia per il lavoro alle dipendenze degli istituti penitenziari sia quello svolto fuori normato dalla legge 193 del 2000, la S...

E’ diminuito il numero dei detenuti che lavorano e il budget disponibile sia per il lavoro alle dipendenze degli istituti penitenziari sia quello svolto fuori normato dalla legge 193 del 2000, la Smuraglia. Questi i dati della relazione del ministro della Giustizia, Paola Severino, alla Camera
I detenuti che lavorano erano 13.278 al 30 giugno 2012, pari al 19,96%, contro i 14.116 a giugno 2010 e 13.765 al 30 giugno 2011. Il calo è dovuto alla riduzione dei finanziamenti passati da 71,4 milioni nel 2006 a 49 milioni e 664 mila euro nel 2012.
Il budget ridotto ha quindi inciso negativamente sulla qualità della vita all’interno degli istituti, soprattutto in quanto a igiene e sicurezza.
I detenuti al lavoro indoor sono 9.950 al 30 giugno 2012; erano 10.645 nel giugno 2010 e 10.324 al giugno 2011. La dote della legge Smuraglia aveva incrementato i detenuti assunti all’esterno passando dai 644 del 2003 ai 1342 del 2010, 2257 nel 2011 e 2299 al 30 giugno 2012.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter