La creatività in carcereLavorare all’Expo

Un centinaio di detenuti di Bollate, Opera e Busto Arsizio vengono impiegati nei servizi di logistica,  accoglienza e sostegno allo staff all’esposizione universale di Milano 2015. L’occasione è st...

Un centinaio di detenuti di Bollate, Opera e Busto Arsizio vengono impiegati nei servizi di logistica,  accoglienza e sostegno allo staff all’esposizione universale di Milano 2015.

L’occasione è stata creata dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria che li ha scelti nelle carceri lombarde, italiani e stranieri, uomini e donne, per funzioni a contatto con il pubblico di visitatori.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club