NewsBanditeMuhammed Najem nei quadri di Gisella Spinella: “un art al giorno finché pace non sarà fatta”

Un quadro al giorno finché pace non sarà fatta.Ispirata da Muhammad Najem - il quindicenne reporter della Ghouta (ora in provincia di Idlib) - la talentuosa artista palermitana Gisella Spinell...

Un quadro al giorno finché pace non sarà fatta.

Ispirata da Muhammad Najem – il quindicenne reporter della Ghouta (ora in provincia di Idlib) – la talentuosa artista palermitana Gisella Spinella denuncia la drammatica condizione di Muhammad e delle migliaia di siriani condannati dal destino di essere nati sotto dittatura, e dall’immobilità mondiale incapace di salvarli dalla “guerra”. Lo fa con un peculiare e spontaneo progetto artistico.

Da qualche giorno, la pittrice sicula pubblica su facebook una foto del suo dipinto quotidiano ispirato dai post del giovane Muhammad, che ha conosciuto grazie a Roberto Saviano, e con cui ora può confrontarsi personalmente via social media.

Io non guarderò il mondiale,
dopo la strage mondiale.


Gisella Spinella, pittrice palermitana

Così Gisella Spinella spiega il suo progetto artistico:

“Pubblico un lavoro al giorno. Lo faccio perché, è giusto farlo; non riesco a rimanere indifferente alle grida dei bambini

Poi in Siria sono abbandonati dai mass media. Menomale che esiste la rete”

Guardiamo alcuni dei suoi bellissimi quadri. Alcuni sono pubblicati sul suo profilo facebook,

Un lavoro al giorno per Muhammad
Gli uomini passano, le bombe restano.


Gisella Spinella, artista




Il lavoro di Gisella rischia di continuare all’infinito. Per quanto meraviglioso e prezioso, vorremmo che questa bravissima pittrice potesse riposarsi e pensare a nuovi soggetti da ritrarre.

La pace e la serenità, però, in Siria sembrano lontane, così come i sogni di Muhammed. Gisella ha ancora tanto colore da mettere in forme…Le sue tele paiono l’unica metaforica via di fuga per Muhammad, ma il nostro giovane reporter ne baratterebbe una per un sereno giorno anonimo di scuola. Uscire dalle scene, studiare, come tanti suoi anonimi coetanei nel mondo è quello che desidera più di ogni altra cosa al mondo, adesso.

Per studiare ha bisogno di lasciarsi alle spalle l’inferno siriano, la paura della prossima bomba, del prossimo massacro, i post di denuncia sui social media, quelli che l’hanno reso famoso ma non per questo ricco, o fortunato. Mentre Noor e Alaa, Baby Karim e Baby Qaseem sono già in Turchia da quasi due mesi, accompagnati lì dalla Croce Rossa Turca grazie alle loro notorierà mediatica, Muhammed è ancora in Siria, pur essendo tra di loro il più popolare, il più seguito.

E attende che qualcuno lo porti fuori da Ma’arrat al-Nu’man, dove vive ora. Non solo in un quadro.

Un lavoro al giorno per Muhammad

Quando ridi sei come una stella.


Gisella Spinella, artist




UPDATES:

Muhammed Najem ha apprezzato. Prontamente ha realizzato un video per ringraziare Gisella Spinella.

Io sono commossa. Voi?

 https://twitter.com/muhammadnajem20/status/998910398253469696?ref_src=twsrc%5Etfw 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta