Mario Monti nominato senatore a vita

Mario Monti nominato senatore a vita

La mossa che non ti ha aspetti. Quella che spiazza tutti, e rimette Mario Monti al centro della scena politica e mediatica. L’ha fatta Giorgio Napolitano, mentre era in corso il Consiglio dei Ministri che deve mandare avanti la pratica Maxi-emendamento e quindi portare verso le dimissioni di Berlusconi. Nominando Senatore a vita il Professor Mario Monti, Napolitano ha dato un’indicazione chiara: alla politica, a Berlusconi e ai mercati.

Stando nel perimetro di ciò che la Costituzione consente al Presidente della Repubblica, ma spingendo l’azione politica della sua carica su frontiere del tutto nuove, Giorgio Napolitano ha detto in modo inequivocabile un segnale. A Silvio Berlusconi, che ha ovviamente dovuto controfirmare il decreto Presidenziale; a tutta la sua maggioranza di fedelissimi che scricchiolano e di mal di pancia che aumentano; e anche a chi, dalle parti dell’opposizione, non dispiacerebbe andare al voto subito. 

Se il significato simbolico della scelta di Napolitano è piuttosto chiaro, restano da sciogliere tutti i nodi politici. Napolitano ha mandato il suo messaggio. Un argomento in più, e non da poco, che troverà spazio nelle lunghe contrattazioni di questa notte. 

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha nominato oggi Senatore a vita, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione, il professor Mario Monti, che ha illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico e sociale. Il decreto è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, onorevole dottor Silvio Berlusconi. 
Il Presidente Napolitano ha informato della nomina il Presidente del Senato della Repubblica, senatore avvocato Renato Schifani. 
Il Capo dello Stato ha dato personalmente notizia della nomina al neo Senatore Mario Monti, porgendogli i più vivi auguri. Mario Monti, professore di economia politica e Presidente della Università Bocconi di Milano è stato membro della Commissione europea dal 1994 al 2004 ed è autorevolmente partecipe di numerose istituzioni europee e internazionali
”.