Per Moody’s l’Italia è come Lehman Brothers

Per Moody’s l’Italia è come Lehman Brothers

Prima pagina del Financial Times ancora sull’Italia: ieri il rendimento dei titoli decennali è stato a lungo sopra il 7%, e la fuga degli investitori dal listino ha influito anche sull’andamento di Wall Street. http://goo.gl/6Nog7

Sempre sull’Ft, i differenti scenari che si aprono qualora la situazione italiana precipitasse: dalle linee di credito del fondo salva-Stati Efsf a un pesante intervento della Bce, che ieri ha acquistato piccole quantità di Btp per calmare il mercato. http://goo.gl/FLbqf

Intanto, ad Atene continua la lotta per la successione a George Papandreou: non c’è ancora un accordo sul nome dell’ex vicepresidente della Bce Papademos. http://goo.gl/TQ7Ff

In apertura sul Wall Street Journal la sterzata che il presidente Napolitano ha deciso di imprimere con la nomina di Mario Monti a senatore a vita, per fermare gli interessi cresciuti “a razzo” sul debito pubblico. http://goo.gl/Sr6Cd

Sul Wsj un ritratto di Angelino Alfano, l’ex ministro della Giustizia ed erede designato da Berlusconi che da ieri ha iniziato a prendere sul serio le redini del Pdl. http://goo.gl/dBkis

David Cameron oggi annuncerà un accordo con Hsbc e Rbs per concedere 95 miliardi di sterline in linee di credito dedicate alle pmi britanniche, scrive il Wsj. http://goo.gl/DdZTr

Sul New York Times il ritorno ai ruoli operativi in Google di Larry Page, il cofondatore che, preoccupato da “una crisi di mezza età” del motore di ricerca, è tornato a mettere le mani su 25 nuovi progetti per mantenerne la leadership. http://goo.gl/1IfsH

Sul Washington Post il cambiamento di strategia dell’Ue nei confronti della Grecia e dell’Italia: ispettori, quesiti sulle riforme e richieste di cambiare la governance. http://goo.gl/PYGuk

Anche sull’Independent si parla di Italia: mentre Christine Lagarde ieri a Pechino ha detto che i costi del debito sovrano stanno bruciando un decennio di crescita europea, da Bruxelles arrivano indiscrezioni sulle consultazioni franco-tedesche per rendere l’Europa più snella. http://goo.gl/0ou9z

Sul free press finanziario City A.M. un editoriale sulla Bce, che se non vuole un default disordinato dell’Italia deve continuare ad acquistarne il debito pubblico, anche se non è la sua mission. http://goo.gl/vFBwN

Secondo un report dell’agenzia di rating Moody’s, scrive Le Monde, se si aggravasse ulteriormente la crisi italiana, gli effetti su Wall Street potrebbero essere comparabili al fallimento di Lehman Brothers. http://goo.gl/UDlRM

Sul quotidiano economico Les Echos, la spiegazione del perché, con gli interessi sul decennale oltre il 7%, l’Italia rischia di fare la stessa fine di Grecia, Portogallo e Irlanda. http://goo.gl/ZaloN

Handelsblatt parla di Italia e titola: «Con la turbo-austerity Roma cerca la liberazione». Il quotidiano citando le parole di Napolitano riportate ieri, sul fatto che «non c’è nessun dubbio» sulle dimissioni di Berlusconi. http://goo.gl/EdkNu

Su El Economista un parallelo tra la situazione italiana e quella spagnola: un anno fa era Madrid sull’orlo del baratro, oggi è l’Italia a trascinare l’Eurozona in recessione. Il fondo Efsf sarà pronto entro dicembre, quindi il mercato ha ancora un mese per vendere i titoli italiani. http://goo.gl/THFvy
 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta