Monti ci libera dallo spread, amen

Monti ci libera dallo spread, amen

Mario Monti dà il meglio di sé nella conferenza di fine anno. Parla seriamente, poi gioca, fa il professore, accende la lavagna luminosa, chiarisce che fin qui ha dovuto svolgere un compito imposto dalle condizioni. Poi, d’improvviso, illumina la platea e l’intero Paese: invita a non sovrastimare lo spread, né quando va bene né quando va male. Alleluia. Di fatto ne sancisce la fine della dittatura. Anche se confessa di essere stato nominato dal presidente della Repubblica senatore a vita proprio nel giorno più nero dello spread. In ogni caso, non possiamo che ringraziarlo per averci liberato dalla tirannia del signor spread e di averci dato la forza necessaria per non cadere in tentazione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta