Caro Hugh Grant, un puttaniere non accusa mai un collega

Caro Hugh Grant, un puttaniere non accusa mai un collega

A noi piace l’idea che la gente dimentichi. Dimenticare, in fondo, è proprio un elemento distintivo della memoria, vuol dire rimuovere ciò che non vogliamo più faccia parte del nostro patrimonio. Si rimuovono le storie brutte, quelle che ci hanno tormentato, si rimuovono persone spiacevoli. Abbiamo diritto a rimuovere. È quindi con grande piacere che abbiamo accolto nel grande mondo delle rimozioni forzate il caro, vecchio, inossidabile Hugh Grant. Ricordate quel giovine attore di Notting Hill, quella faccia fica che ha infranto centinaia e centinaia di cuori? Sì proprio lui, protagonista di quella fantastica storia d’amore con la Julia, la Julia Roberts.

Ma cosa ti fa il vecchio Hugh? Intervenendo al Forum Pan-europeo sul pluralismo dei media e new media, se n’è uscito con un attacco proditorio al nostro povero Silvio, il Silvio ormai dimenticato da dio e dagli uomini, quel bollito duro di Silvio, direbbe Jerk.

«Cio che è curioso ed inspiegabile per me – ha detto il caro, vecchio, inossidabile Grant – è che un tipo solo che ha in mano sei emittenti o comunque ha una forte influenza sulle televisioni pubbliche ed è protagonista di tanti e tanti scandali che avrebbero ucciso ogni altro uomo politico in altri Paesi, continua al potere o vicino al potere».

Dunque. A parte la freschezza dell’accusa che come un pesce rancido sul bancone del supermercato definisce inequivocabilmente la caratura del personaggio, ci sarebbe da capire meglio cosa della sua vita il vecchio Hugh ha dimenticato. Perché gli scandali del nostro Silvio riguarderebbero, per la gran parte, la gnocca. Meglio, non la gnocca in generale, ma proprio le troie a pagamento. Per cui è anche sotto processo.

Ma a ben guardare la poderosa carriera del nostro ex-attor giovine, si nota che nel ’95, mentre era fidanzato con la più bella del mondo, Elisabeth Hurley, venne pescato in macchina sul Sunset Boulevard di L.A. mentre si lasciava andare ad atteggiamenti «lascivi» con un puttanone e di conseguenza arrestato in flagranza di reato!

Ora, a distanza di diciassette anni, il puttaniere che accusa un altro puttaniere è veramente troppo… 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter