The Sound of Silence ha mezzo secolo

anniversari

Il 10 marzo 1964, Paul Simon e Art Garfunkel, che all’epoca avevano poco più che vent’anni, registrarono per la prima volta la versione acustica di The Sound of Silence, una canzone che qualche tempo dopo li avrebbe consacrati al grande pubblico, vendendo milioni di copie e raggiungendo i vertici delle classifiche in tutto il mondo, anche per merito di un gran film, Il Laureato, con Dustin Hoffmann, di cui fu parte della colonna sonora. 

 https://www.youtube.com/embed/4zLfCnGVeL4/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

In realtà quella prima versione acustica, che fu pubblicata nell’ottobre del 1964 in Wednesday Morning, 3 A.M, il disco di esordio del duo, nonf ece più di tanto breccia nel pubblico, così come quel primo album, che fu un gran flop.

Quel che fece di The Sound of Silence una delle canzoni più famose di sempre fu infatti la geniale intuzione del produttore, Tom Wilson, della Columbia, che dopo aver assistito alle registrazioni di Like a Rolling Stone di Bob Dylan decise di provare a sovrapporre alla registrazione acustica originale una linea di basso e di chitarra elettrica e una di batteria.

Era il 15 luglio del 1965, e nel frattempo Paul Simon e Art Garfunkel non suonavano più insieme. 

La nuova versione della canzone fu subito un gran successo e, qualche settimana dopo l’uscita del singolo, senza che i due sospettassero nulla, arrivò alla prima posizione della classifica americana.

Nel 1994, Paul Simon fu intervistato da Tony Schwartz per Playboy. Nel corso della lunga conversazione tra i due Simon rivelò un aprticolare divertente su come lui e Garfunkel scoprirono che le loro vite erano cambiate: 

Ricordo che io e Artie eravamo seduti nella mia macchina, parcheggiata in una strada nel Queens, quando lo speaker alla radio disse: «Al primo posto, Simon e Garfunkel» E Artie mi disse: «Quei Simon e Garfunkel staranno vivendo un gran momento». E in effetti eravamo in quella strada nel Queens a fumarci una canna. Non sapevamo che fare di noi stessi. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta