La difficoltà di conciliare famiglia e lavoro in Italia

La difficoltà di conciliare famiglia e lavoro in Italia

L’Italia è spesso criticata per l’assenza di politiche familiari che aiutano le donne a conciliare vita famigliare e lavoro. Le maggiori mancanze non sono tanto nella lunghezza del congedo di maternità, che si assesta sulle 21 settimane, 16 se conteggiate in full-rate equivalent (cioè con stipendio senza alcuna penalità), ma nei congedi parentali che seguono la maternità. Confrontata con altri paesi Ue, l’Italia offre un numero di settimane esiguo, pari a 26, 8 in full-rate equivalent, nel periodo successivo ai primi mesi di vita del neonato. Se abbinato all’assenza di asili nido e di altre strutture di supporto alla custodia dei figli, ciò obbliga spesso le donne alla difficile scelta di dedicarsi esclusivamente alla famiglia o al lavoro. Questo aspetto non è il solo a determinare il basso tasso di natalità italiano, ma ha certamente un effetto negativo sul tasso di partecipazione al lavoro delle donne italiane che, soprattutto al Sud, ma anche in parte del Nord, è su livelli bassi. In una società in cui le abitudini e le consuetudini sono fortemente cambiate, lasciare che siano solo le famiglie di origine dei due genitori a prendersi cura dei nipoti non sembra più essere un soluzione ottimale per coniugare lavoro delle donne e maternità.

Clicca per ingrandire l’immagine

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta