Perché l’innovazione è sempre arrogante (e non solo)

L’innovazione è arrogante perché sa di avere ragione e si impone, costi quel che costi, consapevole di essere nel giusto. Ma è anche molte altre cose: nove aggettivi per definirla

Carina

Carino è l’aggettivo più frequente che viene affibbiato ad un progetto realmente innovativo e, nella peggiore delle ipotesi, anche al suo ideatore.

Carino, ma che necessita rapidamente di lasciare spazio alle cose serie e non alle perdite di tempo.

Carino è sbrigativo, superficiale, irreale, stupido, sbagliato. Quasi come quelle ragazze definite ‘simpatiche’ rispetto ad una valutazione estetica.

Carino, un termine che ha il solo scopo di uccidere all’istante la perseveranza e la forza necessarie ad affermare un’idea nuova.

Fastidiosa

La vera innovazione non può che essere fastidiosa, rompe le scatole, catalizzatrice di odio da parte delle strutture precostituite, delle corporazioni, dei diritti acquisiti ecc… Ogni cambiamento è fonte di stress e preoccupazione, figuriamoci una vera e radicale innovazione, che può sovvertire completamente le regole del gioco.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta