Il bivio fiscale: ecco perché sulle tasse le vecchie ricette non funzionano più

Tagliare le tasse per spingere la crescita o usare la leva fiscale come mezzo redistributivo? Le due vie più classiche alla politica fiscale mostrano limiti sempre maggiori.

(Alexas_Fotos / Pixabay)

Dopo anni in cui è rimasta nell’ombra della politica monetaria, la politica fiscale tornerà a essere protagonista. Negli Stati Uniti Trump proverà a mettere in atto la sua ambiziosa riforma e in Europa l’armonizzazione fiscale sarà l’argomento caldo sul tavolo dei leader che tra dicembre e gennaio inizieranno a negoziare il futuro dell’Unione. Ma sul fronte della politica fiscale ci troviamo in un certo senso in un territorio inesplorato. Entrambe le vie classiche – cioè riduzione delle tasse per stimolare la crescita e redistribuzione per migliorare le condizioni delle persone – hanno dei limiti importanti. Per quanto riguarda la prima, non è chiara la relazione tra riduzione delle tasse e crescita economica (quella teorizzata dall’economista Laffer). Nel secondo caso, mettere in atto un aumento selettivo delle tasse senza avere effetti depressivi sull’economia è estremamente complesso, soprattutto se il processo decisionale è molto politico. Non esiste oltretutto una garanzia che la redistribuzione dei proventi sia fatta in modo veramente equo e non in base a logiche elettorali.

In questo inedito contesto economico e sociale, per l’investitore la valutazione di breve termine non cambia.

(…)

Continua a leggere su Moneyfarm

Il manuale del bravo economista politico sconsiglierebbe di abbassare le tasse in un momento di crescita economica. Però constatiamo che la tentazione non è mai stata così forte: è un dato di fatto che gran parte della popolazione non goda dei benefici della ripresa economica e che i motivi siano l’onda lunga della crisi, la diseguaglianza, lo sviluppo tecnologico che distrugge i modelli tradizionali o la globalizzazione

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta