Jerome Powell, alla Fed arriva l’uomo della deregulation

Il nuovo governatore della Federal Reserve, la banca centrale statunitense, si pone in continuità con Janet Yellen sulla politica monetaria e sull‘indipendenza dell’istituzione. Ma sulle banche ha una visione molto più “market oriented”

ALEX WONG / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Jerome Powell è il candidato della Casa Bianca per diventare il prossimo Governatore della Federal Reserve, la banca centrale americana. Sessantaquattro anni, avvocato, con un passato nel mondo del private equity, in una recente audizione alla Camera Usa ha dato qualche indizio in più per capire come interpreterà il proprio mandato.

L’elezione dà un segnale di forte continuitá con il mandato di Janet Yellen, alla quale Powell sembra allineato sia sulla politica monetaria che sul porre l’accento sull’indipendenza della banca centrale rispetto al potere politico. Ciò che invece distingue il neogovernatore dalla Yellen è la sua visione sulla regolamentazione del settore bancario e questo è un aspetto che piacerà a molti Repubblicani. La tanto discussa Volcker Rule, una delle eredità della regolamentazione di Obama per migliorare la solidità del sistema bancario, potrebbe essere ammorbidita.

(…)

Continua a leggere su Moneyfarm

La visione del presidente e piuttosto chiara e market oriented: non è compito dello Stato regolare le banche così come non è compito dello Stato salvarle

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta