Le regole fondamentali per sviluppare una mentalità creativa

Non bisogna avere una visione stereotipata dell’innovazione e della creatività. Non è l’estro dell’artista, o l’intuizione “folle” dello “startupper”, o la scoperta dello scienziato: molti guardano all’innovazione come a una prospettiva lontana, coltivabile solo da pochi eletti

Nel mondo del lavoro del terzo millennio siamo tutti chiamati a sviluppareun atteggiamento mentale creativo e innovativo. La sfida è insidiosa perché le persone intorno a noi, i nostri capi, i nostri colleghi, i nostri clienti raramente ci dicono esplicitamente Devi essere più creativo. Se lo aspettano e basta. Alla fine è proprio quella piccola grande innovazione non richiesta a rendere possibili i nostri successi.

Il problema è che abbiamo una visione stereotipata dell’innovazione e della creatività. Le associamo all’estro dell’artista, all’intuizione “folle” dello “startupper”, alla scoperta dello scienziato. Così molti guardano all’innovazione come a una prospettiva lontana, coltivabile solo da pochi eletti. Per questo sarebbe molto importante smitizzare l’innovazione abbracciandone una visione più “impiegatizia”. Non c’è bisogno di essere un genio “disruptive” per essere innovatore. Tutti nel nostro piccolo possiamo essere innovatori. Cosa fare per sviluppare una mentalità creativa?

Ecco 4 buone regole da seguire:

1) Non censurare. Spontaneamente tutti noi, chi più chi meno, in famiglia e sul lavoro, di tanto in tanto ci «ritroviamo tra le mani» un’innovazione: un nuovo tipo di look, di menù, di email, di organizzazione del tempo e degli spazi. Negli ambienti creativi questi cambiamenti non vengono censurati, non vengono ridicolizzati e non vengono «messi alla prova» con piglio critico e scettico. Il creativo è per sua natura uno sperimentatore. Sperimentare un nuovo passo, una nuova ricetta, un nuovo slogan espone a figuracce. Fa parte del gioco. È importante per questo motivo avere intorno persone che non giudicano e non ridicolizzano.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta