BerlaymontVon der Leyen annuncia che potrebbe aprire una procedura d’infrazione contro la Germania

La presidente della Commissione è intervenuta sul caso della Consulta tedesca che aveva criticato il programma di acquisti di titoli di Stato della Banca centrale europea: «Le sentenze della Corte di giustizia dell’Unione sono vincolanti per tutti i tribunali nazionali»

Afp

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha pubblicato una lettera per commentare la decisione della Corte costituzionale tedesca. 

La recente sentenza della Corte costituzionale tedesca ha messo in luce due questioni dell’Unione europea: il sistema euro e il sistema giuridico europeo.

Prendiamo atto della chiara dichiarazione della Corte di giustizia europea dell’8 maggio.

Allo stesso modo, la Commissione europea sostiene tre principi di base: che la politica monetaria dell’Unione è di competenza esclusiva; che il diritto dell’Unione ha il primato sul diritto nazionale e che le sentenze della Corte di giustizia europea sono vincolanti per tutti i tribunali nazionali.

L’ultima parola sul diritto dell’Unione europea è sempre pronunciata in Lussemburgo. Da nessun altra parte.

Compito della Commissione europea è salvaguardare il corretto funzionamento del sistema euro e del sistema giuridico dell’Unione.

Ora stiamo analizzando in dettaglio la sentenza della Corte costituzionale tedesca. E esamineremo i possibili passi successivi, che potrebbero includere l’opzione di procedure di infrazione.

L’Unione europea è una comunità di valori e di diritto, che deve essere sostenuta e difesa in ogni momento. Questo è ciò che ci tiene uniti. Questo è ciò che rappresentiamo.