Buon fine settimana Begonie che si mangiano, contesti internazionali e orti domestici

È questa l’estrema sintesi della nostra settimana online: un piccolo bigino (che poi è la nostra newsletter, e vi potete iscrivere per riceverla) per non perdere neanche uno degli articoli comparsi su Gastronomika

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Il contesto internazionale ci ha colpiti molto, in questa settimana con un ponte in mezzo, e l’abbiamo analizzato anche dal punto di vista enogastronomico: come sempre, abbiamo avuto la conferma che qualsiasi evento di valenza sociale passa necessariamente anche dal cibo.

È il caso del coronavirus e dei troppo colpevolizzati wet market cinesi, ma anche della protesta che sta scuotendo gli Stati Uniti, dove i ristoranti sono in parte luoghi da saccheggiare e in parte testimoni e diretti protagonisti della storia che si sta scrivendo. Anche a casa nostra si respira un’aria internazionale: la cucina fusion di provincia è stata la spinta giusta per un giovane imprenditore cinese che ha fatto la differenza durante la crisi, uscendone rafforzato.

Come hanno fatto la differenza i tanti creativi che si sono confrontati con la quarantena immaginando di usare il loro tempo in modi alternativi: ne sono uscite storie, oggetti, idee raccolti in un pezzo da una redattrice molto determinata a trovare il bello in questo momento complesso.

Questa è stata anche la settimana in cui abbiamo cambiato parola d’ordine, da sanificare a digitalizzare, abbiamo capito fin da subito che eventi e ristoranti potrebbero essere un po’ diversi da come li ricordavamo. Ma ugualmente coinvolgenti, speriamo.

Ci siamo fatti sedurre da un video che parla di grilli e di fritture, tanto per stare in tema di cucina non convenzionale, ma anche dagli esperimenti siculo-maltesi di una ragazza trasferita dall’isola sull’isola. E abbiamo riflettuto sul mondo dei salumi, con qualcuno che lo conosce molto bene. Dice che c’è crisi tra i crudi, ma gli altri stanno bene. Per fortuna. 

Per capire meglio dove e come faremo le vacanze quest’estate, una prode redattrice ha censito la Penisola in lungo e in largo, scoprendo che nel 2020 per essere cool dovremo fare “staycation”. Assicura che non è una parolaccia, ma un modo diverso di fare turismo di prossimità, alla scoperta dei mille volti del nostro Paese. Ci fidiamo? È la stessa che ha cercato di raccontarci che sapore ha una begonia, e sostiene che ha assaggiato una verbena che profuma di limone, e la menta alla banana o al cioccolato. Vedete voi se darle credito, noi le abbiamo chiesto di testare il tutto.

Ora scusateci, torniamo a scandagliare il mondo per cercare nuove notizie per voi. Se sentite la nostra mancanza, sappiate che vi lasciamo ricette, consigli per cuochi imbranati, vini per brindare all’uscita dai confini regionali e tutto ma proprio tutto quel che dovete sapere per ordinare delivery. E poi tutti su Amazon: c’è un docu-film che non potete perdervi.

Per chi invece è in vena di gita fuoriporta, ecco il primo dei nostri itinerari che vi porta a pochi chilometri da Milano a curiosare tra vigneti e laghetti fiabeschi. Se ci andate, pensateci.

Buona cucina!

Anna Prandoni

Questa è la newsletter di Gastronomika: arriva il venerdì subito dopo pranzo: la vuoi ricevere anche tu? Basta andare qui!

Siamo sempre alla ricerca di nuovi spunti, suggerimenti e idee per capire meglio il mondo del cibo contemporaneo. E anche della nuova ricetta per il piatto più buono del mondo. Se ce l’hai, o vuoi aiutarci a fare un giornale migliore, puoi scriverci qui: gastronomika@linkiesta.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020