Sweet love La perfezione esiste, ed è a forma di torta di mele

Ma non quella di Nonna Papera, e nemmeno quella più classica che conosciamo tutti. Questa è davvero la sublimazione di una mela, dolcissima e confortante. Scommettiamo che diventerà il nuovo tormentone Instagram dei dolci più copiati del creato pasticcero?

Per scrivere il curriculum di Francisco Migoya, Head Chef di Modernist Cuisine di Seattle, serve più o meno un’enciclopedia.

Cresciuto a Città del Messico, immerso nelle culture dei suoi genitori e quindi in parte  americano, in parte italiano e in parte spagnolo, ha preso il meglio della cucina della sua famiglia e del suo vicinato, facendo diventare la gastronomia parte integrante della sua vita. Ha mescolato il tutto con una grande predisposizione per l’arte, dedicandosi da giovane al disegno. Ma già a 16 anni ha capito che la sua vena culinaria era attivissima e dopo aver lavorato in un hotel a Città del Messico ha deciso di studiare enogastronomia, prima al Centro de Estudios Superiores de San Angel University di Città del Messico, e poi al Lycée d’Hotellerie et de Tourisme di Strasburgo, in Francia, dove è arrivato con una borsa di studio.

Dopo essersi trasferito a New York nel 1998 e aver lavorato in numerose cucine, arriva la svolta davanti al panorama più bello sullo skyline cittadino: diventa pasticcere al The River Café di Brooklyn, e si collega immediatamente al mondo dei dolci. Continua a lavorare come pasticcere presso la Veritas di New York City, diventa poi executive pastry chef presso l’esclusivo The French Laundry e da Bouchon Bakery, e inizia ad insegnare presso il prestigioso Culinary Institute of America di Hyde Park.

Anche i riconoscimenti sono innumerevoli, e lo rendono uno tra i più quotati professionisti al mondo: è definito uno tra i migliori pasticceri del paese da Dessert Professional (2011) e da Tasting Table (2013). Come proprietario di Hudson Chocolates, è riconosciuto come uno dei “Top Ten Chocolatiers in America” ​​da Dessert Professional (2013) e riceve ulteriori riconoscimenti dalla Gremi de Pastisseria de Barcelona, ​​che gli conferisce la medaglia del Maestro Artigiano Pasticcere (2013 ). Migoya è autore di tre libri di pasticceria: Frozen Desserts (2008), The Modern Café (2009) e The Elements of Dessert (2012), che ha vinto il premio 2014 dell’International Association of Culinary Professionals (IACP) nella categoria Cucine professionali.

Nel 2014, Migoya si è unito a Modernist Cuisine per guidare il team culinario e dirigere la ricerca con il fondatore Nathan Myhrvold. Insieme, lui e il team MC hanno trascorso oltre quattro anni a fare ricerca sulla scienza, la storia e le tecniche di produzione del pane.

Il background di Migoya in cibi salati, pane, cioccolato, pasticceria e viennoiserie lo ha aiutato ad avvicinarsi al pane modernista con un’abilità unica. Nel corso di 1.600 esperimenti, Migoya e Myhrvold hanno sviluppato dozzine di tecniche innovative che spingono i confini della produzione del pane, compresi i modi per rendere più facili da gestire gli impasti ad alta idratazione, nuovi metodi di preparazione dei bagel e metodi per realizzare il pane in cottura a pressione. I contributi di Migoya all’arte del pane comprendono anche oltre 1.200 ricette, comprese quelle per creare squisiti pani d’avanguardia, che riflettono inconfondibilmente il suo primo interesse per l’arte. E sempre con l’arte ha giocato, ricreando il capolavoro dell’architetto Antoni Gaud, Casa Batlló in pan di zenzero.

Nel 2019, Migoya è stato inserita nella Hall of Fame di Heritage Radio Network come persona che ha raggiunto risultati significativi e con un impatto speciale sulla comunità del cibo.

A sedurci, nei giorni scorsi, ha iniziato così, postando sul suo profilo instagram un capolavoro che sembra una mela ma è in realtà l’apoteosi della tarte tatin.

 

L’ha chiamata Apple Spiral, e si è ispirato appunto al celeberrimo dolce francese: la spiega come se fosse di una semplicità disarmante. Ovviamente, non lo è: le mele sono cotte in un caramello, a lungo e piano, fino a quando non sono morbide e completamente cotte ma mantengono ancora la loro forma. Per realizzare questa lunga fetta di mela infinita ha usato una taglierina a spirale giapponese, l’ha poi avvolta strettissima su se stessa e l’ha chiusa sottovuoto con uno sciroppo di zucchero caramellato scuro. Dopo una notte in frigorifero, che serve per far assorbire gli zuccheri e ammorbidire bene il tutto, la mela è pronta da gustare, con – così ci assicura – «una profondità incredibile di sapore e complessità».

Non contento, il pasticcere ha proseguito, con un’altra versione di Apple Spiral e nella seconda proposta ha aggiunto otto strati di pasta brick croccante, cotta al forno, spalmando ogni strato con burro fuso, zucchero a velo e cannella.

Siete talmente pazzi da volerla replicare? C’è anche il video, sul sito del pasticcere, che si chiama Saint Honoré.

Dobbiamo dirvi altro per farvi capire che lo amiamo perdutamente?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta