OleoturismoIl filo d’olio che può unire l’Italia

Dopo il turismo gastronomico e il turismo legato al mondo del vino, è arrivato il momento d’oro per la valorizzazione del viaggio legato alla scoperta del nostro oro verde liquido. L’olio ci permette di entrare in contatto con la cultura di un territorio, offrendo l’esperienza diretta che oggi il turista ricerca

Anche il turismo dell’olio avrà una sua precisa definizione. Dopo la normativa tesa a valorizzare il boom dell’enoturismo, recepita in quasi tutte le regioni italiane, arrivano regole anche per chi creerà turismo attorno agli ulivi e ai suoi derivati. Con le sue 550 cultivar impiantate in Italia, l’universo dell’olio sta per guadagnare la scena, andando ad arricchire l’offerta enogastronomica nazionale. Dal dormire in dimore storiche collegate al mondo dell’elaiotecnica al farsi coccolare con trattamenti all’olio evo in una spa, viaggiare seguendo un filo d’olio lungo una nazione sarà un modo nuovo per scoprire l’Italia.

Mercoledì 29 giugno Roberta Garibaldi, docente di Tourism Management ed esperta di turismo enogastronomico, insieme con il senatore Dario Stèfano, Michele Sonnessa (presidente Città dell’Olio), Donato Taurino (Presidente Città dell’Olio), Sebastiano De Corato (Vicepresidente nazionale Movimento Turismo del Vino Italiana e responsabile del progetto olio), moderati da Stefano Carboni, hanno presentato i decreti attuativi sull’oleoturismo. Questo momento di incontro istituzionale mira a dare una precisa definizione di questa pratica, equiparandola all’enoturismo. Come possiamo definire dunque questo nuovo segmento travel e quali saranno i suoi tratti salienti?

È la stessa Garibaldi a spiegarlo a Gastronomika: «In base a quanto riporta il decreto, possiamo definire oleoturismo un viaggio con pernottamento verso una destinazione caratterizzata da produzione olivicola per lo svolgimento di esperienze a tema come visite guidate agli oliveti di pertinenza dell’azienda, ai frantoi, oleoteche, a dimore storiche con produzione di olio; visite nei luoghi di esposizione degli strumenti utili alla coltivazione dell’olivo ed alla trasformazione in olio extra vergine di oliva, della storia e della pratica dell’attività olivicola ed elaiotecnica in genere (musei dedicati all’olio); iniziative di carattere didattico, culturale e ricreativo (es. raccolta delle olive); attività di degustazione e commercializzazione delle produzioni olivicole aziendali, anche in abbinamento ad altri alimenti; iniziative di promozione e valorizzazione della civiltà e della cultura olivicola (es. eventi e festival); pernottamenti in strutture ricettive a tema olio; trattamenti di benessere a tema olio presso SPA di hotel tematici; esperienze culinarie in ristoranti con piatti in abbinamento agli oli locali (carta dell’olio); itinerari e percorsi a tema olio, sia «ufficiali» (Strade dell’Olio) che proposte da singole destinazioni, Tour Operator e Agenzie di Viaggio. Si tratta quindi di un segmento turistico ampio e variegato, caratterizzato da esperienze che permettano di far vivere il mondo dell’olio al 360 gradi, in connessione con la cultura (enogastronomica e non) del territorio».

Una grande opportunità per i produttori olivicoli, che potranno – adeguando la loro offerta – ampliare la conoscenza dei loro metodi di produzione e dei loro territori. Prosegue Garibaldi: «Il decreto va a definire gli standard qualitativi dell’offerta e getta le basi per momenti di formazione continuativa degli attori locali all’interno di una strategia nazionale che mira a promuovere i territori del nostro Paese che vantano produzioni olivicole. È quindi un atto importante che consente di generare benefici economici, sociali e culturali nel breve e lungo periodo. I produttori avranno la possibilità di aprirsi al turismo, differenziando così la propria attività e ottenendo un reddito aggiuntivo. Potranno inoltre contribuire a sensibilizzare il grande pubblico sulle caratteristiche delle proprie produzioni, incentivandone poi il consumo anche nei luoghi di residenza dei viaggiatori. Il turismo diventa quindi una leva di marketing, poiché permette di far conoscere il prodotto e incrementarne le vendite».

Perché conoscere meglio è la base indispensabile per aumentare il percepito e – di conseguenza, sul lungo periodo – anche un indotto significativo dal punto di vista economico. «I dati in nostro possesso indicano un forte interesse da parte dei turisti italiani. Il 69 per cento desidera prendere parte a una esperienza olio: un mercato ampio, ma ancora da soddisfare con un’offerta più strutturata se consideriamo che solo il 37 per cento vi ha effettivamente partecipato. L’oleoturismo ha quindi un grande potenziale, soprattutto se consideriamo le sinergie possibili con l’enoturismo e il turismo enogastronomico. Per questo si sta lavorando, in modo costruttivo e sinergico, a proposte sempre più ampie e coinvolgenti che tengano presenti i desiderata espressi negli anni proprio dai fruitori di queste iniziative. È sicuramente fondamentale agire attraverso la sensibilizzazione, la formazione e l’informazione. Sono leve importanti, poiché gli operatori del settore devono diventare consapevoli dei benefici che l’oleoturismo può generare e capire come operare adeguatamente in questo segmento».

Dopo esserci innamorati dell’enoturismo, ci appassioneremo all’oleoturismo? Cosa troveremo viaggiando lungo le strade e le terre dell’olio italiano? Un mondo che parla di Italia, conclude l’esperta: «L’olio, insieme al vino, è un elemento connotante il territorio italiano. Conoscere e assaggiare questo prodotto nelle sue numerose declinazioni significa entrare in contatto con la cultura di un territorio, farne esperienza diretta, ed è ciò che oggi il turista ricerca. Questi due prodotti, insieme alle altre eccellenze agroalimentari italiano, possono realmente costituire un fattore di attrazione per il nostro Paese. Grazie a questo decreto, le esperienze a tema olio andranno a svilupparsi e differenziarsi. Chi viaggerà nei territori a coltivazione olivicola potrà partecipare a visite e degustazioni guidate in frantoi, oliveti, dimore storiche con produzione di olio ed oleoteche; potrà degustare piatti tipici in abbinamento agli oli locali; recarsi in un museo dell’olio; cimentarsi in percorsi a piedi o in bicicletta… Tante proposte adatte a target differenti».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta