PanettonedayBarbara Braghero: rosa come il cioccolato

La sua bakery, il suo amore per il cioccolato rosa, i suoi progetti: la vincitrice nella categoria Ruby al concorso nazionale per i migliori panettoni che si è tenuto il 15 settembre a Milano si racconta

«Ho deciso di partecipare in questa categoria perché il cioccolato ruby mi ha affascinato fin dal primo assaggio».

Per Barbara Braghero, 35 anni, il cioccolato ruby è uno stile di vita. Perché? «Perché è rosa, perché ha un gusto intenso, che sembra simile a quello del cioccolato bianco, ma poi ti conquista con una nota acidula, e con un aroma di frutti di bosco. Sono innamorata di questo prodotto. È il secondo anno che partecipo al Panettone Day, sempre in questa categoria: la prima volta sono arrivata in finale. E questa volta ho vinto».

Una grande soddisfazione per Barbara, titolare, insieme al marito, di una bakery a Fiumefreddo di Sicilia, dal suggestivo nome “Storie di un chicco di grano”. Qui è stata messa a punto la ricetta vincente: «Abbiamo aggiunto, oltre al ruby, i profumi della Sicilia, le scorze di arancia e di limone, e la vaniglia, oltre alle amarene, con un matrimonio di sapori che secondo me è perfetto. Il panettone è nella nostra linea tutto l’anno, insieme ad altri lievitati: in estate facciamo il panettone con la granita, rivisitando il classico abbinamento siciliano con la brioche».
Autodidatta, Barbara fa la pasticciera da 8 anni: prima lavorava in un’agenzia di assicurazione, ma non bastava alla sua anima artistica. «Io e mio marito siamo creativi – spiega – così abbiamo deciso di metterci in gioco su una cosa nuova. Abbiamo studiato. Io mi sono innamorata dei lievitati e lui, panettiere, mi ha aiutato molto proprio sull’uso del lievito, anche nella ricetta del panettone vincitore». Tra gli altri panettoni prodotti nella Bakery di Fiumefreddo, oltre al tradizionale, quello al pistacchio e quello ai cereali. «Ma il mio preferito è questo al ruby. Adoro davvero questo ingrediente, lo uso per fare delle mousse, o per farcire le brioche: ha un sapore inconfondibile e indimenticabile».

Ma che cos’è il cioccolato ruby? È il quarto ‘tipo’ di cioccolato, dopo quello fondente, al latte e bianco: è la scoperta più insolita degli ultimi 80 anni. Alcuni componenti unici, naturalmente presenti nella fave di cacao, producono un cioccolato dal raro colore rosso-rosato e dal gusto fruttato. La collaborazione diretta con l’Università Jacobs di Brema (Germania) ha consentito ad una azienda di scoprire i segreti che si celavano dietro a questa scoperta, nata grazie a una determinata variante di cacao: quella delle fave Ruby.

Un dono della natura con un colore e un gusto assolutamente nuovi senza aggiunta di coloranti o di aromi alla frutta. Il colore è inconsueto ma naturale e il sapore è complesso, con note fruttate, fresche e aspre. Imperdibile nel panettone.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta