L’appoggio delle parti sociali I sindacati sposano la linea Draghi: stop ai sussidi, via agli investimenti

La segretaria della Cisl Annamaria Furlan spiega che il blocco dei licenziamenti e la cassa Covid devono essere prolungati. Ma «possiamo darci un tempo anche relativamente breve se viene ben speso», dice. «Ossia se si riformano gli ammortizzatori sociali» e se «si rilanciano, con gli opportuni investimenti, le politiche attive»

Foto LaPresse - Davide Gentile

Il presidente incaricato Mario Draghi «non ci ha illustrato le sue proposte ma ha ascoltato con attenzione le nostre priorità per fare uscire il Paese dalla difficile situazione che stiamo vivendo a causa della pandemia», racconta al Mattino Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl, il giorno dopo le consultazioni con le parti sociali. «Ci è sembrato che Draghi abbia condiviso che il confronto e il lavorare assieme sia una straordinaria possibilità che possiamo offrire al Paese».

Draghi ha ricevuto l’appoggio di tutte le forze sociali ascoltate, dai sindacati agli industriali fino alle associazioni ambientaliste. «C’è una straordinaria possibilità, attraverso le risorse del Recovery Plan, di dare un futuro migliore al nostro Paese, rafforzando alcuni elementi che oggi sono deboli», dice Furlan. «Innanzitutto, il tema delle riforme: pubblica amministrazione, dove abbiamo 350mila precari, fisco, pensioni, politiche industriali, nuovi ammortizzatori sociali, politiche attive del lavoro».

Per fare questo «abbiamo bisogno di riscoprire il valore della politica di concertazione e di un patto tra le istituzioni e le parti sociali. Questo abbiamo ribadito ieri a Draghi».

La leader della Cisl si dice d’accordo con l’impostazione di passare dalla logica dei sussidi a quella degli investimenti emersa dal presidente incaricato. «I sussidi e l’assistenza sono stati importanti in questi mesi per sostenere i più deboli», spiega, «ma ora bisogna pensare alla crescita e all’occupazione. Sull’emergenza sanitaria abbiamo sottolineato l’importanza del piano vaccinale e anche la disponibilità delle parti, più volte espressa, di contribuire attraverso protocolli comuni per accelerare la vaccinazione e rendere così più sicuri i luoghi di lavoro». E poi «bisogna far ripartire il Paese, attivare subito gli investimenti pubblici in innovazione, ricerca, formazione delle nuove competenze, sbloccare i cantieri fermi da decenni. Bisogna fare presto e con grande capacità di coesione sociale».

Furlan ha confermato che a Draghi i sindacati hanno chiesto di prolungare il blocco dei licenziamenti e la cassa Covid. «Possiamo darci un tempo anche relativamente breve se viene ben speso, ossia se si riformano gli ammortizzatori sociali e non si lasciano i lavoratori con minore o nessuna copertura e si rilanciano, con gli opportuni investimenti, le politiche attive».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionOrdina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione da lunedì 17 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia