Gen ZLa strana ossessione dei TikTokers per le cipolle

Tra tutorial che insegnano ad affettarlo senza piangere e curiosi esperimenti in bagno, il bulbo più noto della gastronomia sta conducendo un’inaspettata conquista del web

Negli ultimi giorni su TikTok sono comparsi alcuni video che hanno per protagonisti ragazzini che si cimentano in strani esperimenti con le cipolle. Il primo della serie è stato Russell Donnelly aka @rustardlikemustard, diventato popolare lo scorso autunno dopo aver pubblicato un video in cui mangia in rapida successione una cipolla cruda, dell’aglio e beve succo di limone. Un mix a dir poco impegnativo per le papille gustative di chiunque, ma non per quelle di questo trentenne originario del New Jersey, positivo al Coronavirus. L’intento del video, ricondiviso anche su Instagram, è far riflettere sulla perdita del gusto e dell’olfatto, tra gli effetti collaterali della malattia. Donnelly ha anche lanciato un messaggio ai suoi followers: «A tutti quelli che pensano che il Covid sia un fake, o che non sia così grave, sappiate che io sono fortunato ad avere solo questi sintomi. Ho la fortuna di poter parlare della mia situazione personale, ma nel complesso questo virus non deve essere preso alla leggera perché è davvero mortale».

Una delle tendenze più curiose va sotto il nome di #showeronion, letteralmente cipolle da doccia. Il tormentone è iniziato quando Karalynn Dunton ossia @karalynndunton, in un video diventato subito popolarissimo, ha raccontato che il suo ragazzo tiene un cestino pieno di cipolle sopra il wc. Risultato: oltre 6 milioni di visualizzazioni e una serie di interrogativi. Cosa ci fanno le cipolle tra gli shampoo e la carta igienica? Secondo alcuni utenti che condividono questa abitudine a dir poco strana, mezza cipolla appena tagliata aiuterebbe ad assorbire l’umidità e rimuovere i cattivi odori in bagno. Anche se l’idea può sembrare controproducente, dal momento che la cipolla appena tagliata rilascerà il suo forte afrore, chi ha provato assicura che dopo qualche ora inizierà a fare il suo dovere. Il consiglio è lasciarla agire di notte e rimuoverla il giorno successivo. Ovviamente senza utilizzarla per il soffritto.

A proposito di usi più consoni: Lyndsey James (@Lyndseyj), una giovane ragazza inglese, ha trovato un modo originale per affettarle in tempi record. In un video da un milione di visualizzazioni, Lyndsey spiega – coltello e tagliere alla mano – che il suo metodo, malgrado sembri strano, per lei «ha senso». Dopo aver eliminato la buccia e tagliato l’estremità superiore, Lyndsey consiglia di praticare delle incisioni dall’alto verso il basso su tutta la circonferenza della cipolla senza mai arrivare alla base. «Stai letteralmente tagliando degli spicchi come un’arancia». A questo punto basta girare la cipolla su un fianco e affettarla in senso opposto. Tempo stimato per l’operazione, circa 15 secondi. Per chi preferisce il metodo classico, la chef Poppy O’Toole (@poppycooks) raccomanda di tagliare la cipolla non meno di sei volte, come dimostra in questo video. Potevano mancare gli anelli di cipolla fritti? Rafael Nistor noto al web  come @rafael.nistor, 22 anni, arrivato nel 2007 in Italia dalla Romania e diventato popolarissimo per le sue videoricette da 60 secondi, li usa per farcire questo maxi panino imbottito insieme a bacon e pollo.

L’altra grande sfida che appassiona i TikTokers è risolvere il più antico dei problemi: tagliare le cipolle senza piangere. Il tema non è nuovo e ogni generazione ha i suoi metodi. Saggezza popolare suggerisce di affettarle tenendole immerse completamente in acqua o metterle in freezer una quindicina di minuti: in questo modo la sostanza urticante che viene liberata a contatto con il coltello, il propantial-S-ossido, viene rilasciata più lentamente. Siccome questa sostanza è altamente solubile in acqua, anche bagnare la lama a ogni taglio è un buon metodo per neutralizzare i suoi effetti. Con un’ultima accortezza: mai toccarsi gli occhi senza prima aver lavato molto bene le mani, altrimenti ogni sforzo sarà stato vano. Su Amazon si trovano soluzioni diverse, alcune bizzarre ma utili come gli occhiali protettivi (sì, il trucco funziona anche con i modelli da piscina e le maschere da snorkeling), altre più professionali, come questa affettatrice che risolve il problema in pochi secondi. Tra i giovanissimi spopola il trucco del tovagliolo bagnato. La TikToker @cerealeatingghost ha svelato alla community il segreto per tagliare la cipolla senza piangere: «Tutto quello che devi fare è prendere un tovagliolo di carta umido, piegarlo e tenerlo sul tagliere». La sostanza urticante viene assorbita dal tovagliolo prima di arrivare a irritare gli occhi. In attesa che dagli Stati Uniti arrivi una nuova varietà di cipolla che non fa versare neanche una lacrima: si chiama Sunions ed è il risultato di oltre trent’anni di ricerca; molto più piccola del normale, ha un sapore decisamente più dolce e non irrita gli occhi quando viene tagliata. La vendita per ora è iniziata solamente negli Stati Uniti ma l’azienda starebbe progettando di esportarla anche in Europa. I fan della soup d’oignon sono avvisati.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia