Galera non negoziabileI referendum cancellati e la perversione del sistema penale

Il silenzio di alcuni politici e di tanti magistrati sui quesiti referendari ha una spiegazione: a prescindere da come si voglia riformare la giustizia, per (quasi) tutti è meglio discutere e scioperare su temi periferici, a distanza di sicurezza dal cuore del sistema Italia

Unsplash

Bisognerebbe evitare di trarre conclusioni troppo positive dal risultato modesto, se non fallimentare, dello sciopero proclamato dall’Associazione nazionale magistrati contro la legge di riforma dell’ordinamento giudiziario e del sistema di elezione del Consiglio superiore della magistratura, intestata alla ministra della Giustizia Marta Cartabia. 

È stato uno sciopero contro una legge che sfata il tabù dell’intoccabilità di alcuni temi, ma che comunque li tocca in modo parziale e insufficiente. Adesso è forse più probabile l’approvazione definitiva della legge al Senato, ma non lo è altrettanto che, a partire da questa legge, si facciano rapidamente i necessari passi avanti, che invece un vasto fronte politico-giudiziario considera impraticabili o comunque prematuri.

Il risultato di questo sciopero e della mobilitazione resistenziale dell’Anm andrà letto, come si dice in burocratese, in combinato disposto con quello dei referendum che andranno al voto il prossimo 12 giugno e che uno schieramento trasversale, che unisce favorevoli e contrari alla (micro)riforma Cartabia, lavora per tenere lontanissimi dal quorum, che ne garantirebbe la validità. 

In fondo, il vero compromesso politico che sembra reggere tra la maggioranza dei partiti e la maggioranza delle toghe è quello di limitare alla diatriba efficientistica il dibattito sulla giustizia, lasciando da parte le questioni, ben più cruciali, che attengono alla funzione e ai limiti costituzionali della legislazione e della giurisdizione penale: funzione pervertita e limiti travolti da una deriva panpenalistica e punitivistica, che non ha affatto opposto, ma piuttosto affratellato  la maggioranza dei politici e dei magistrati, e ha aperto la strada a una proliferazione letteralmente metastatica di norme incriminatrici, alla neutralizzazione del principio della presunzione di innocenza, alla dilatazione del dominio della giustizia penale, fino a farne un’istanza di tutela generale e commissariale della vita pubblica e alla conseguente rivendicazione da parte dei magistrati inquirenti di una vera e propria rappresentanza dell’interesse popolare. 

I referendum, se si aprisse una discussione pubblica, che ci si guarda bene dall’aprire, aiuterebbero a manifestare la portata dei problemi della giustizia penale in Italia e, problema nel problema, la sostanziale unità tra la maggioranza delle forze politiche e delle correnti togate attorno ai bastioni normativi e simbolici della giustizia a furor di popolo. 

Facciamo un esempio concreto, quello dei due referendum che mettono al centro lo scandalo della presunzione di innocenza calpestata e negata in nome della assurda funzione segnaletica della giustizia penale: la galera o altre forme di limitazione della libertà e dei diritti individuali come messaggio sociale. Sulla custodia cautelare e sulla legge Severino la coalizione del NO è trasversale – da Letta a Meloni – unita e tetragona proprio perché la carcerazione o l’espulsione preventiva dalla vita civile dei cosiddetti inquisiti, marchio di infamia imperituro dalla stagione di Tangentopoli, è diventato il valore non negoziabile del nostro dibattito civile, la divisa d’ordinanza della Repubblica trasformistica dell’o-ne-stà.

La giustizia è stata corrotta proprio da questa idea provvidenzialistica e la politica è stata infettata proprio da questa idea igienistica del sistema penale. Quindi anche quanti – non c’è politico che astrattamente non lo faccia – riconoscono gli abusi della custodia cautelare e gli eccessi della legge Severino devono in grande maggioranza essere contro i referendum su questi temi, perché non possono riconoscere lo scandalo che scoperchiano.

Insomma, la strategia del silenzio sui referendum, certo favorita dall’emergenza politico-mediatica della guerra, ma perseguita con metodo scientifico, fa parte della più ampia strategia di continuare a discutere, litigare e magari scioperare su temi che stanno a distanza di sicurezza dal centro del problema della giustizia penale in Italia.