Undicesima edizioneA Milano torna Bookcity per raccontare «la vita ibrida» attraverso i libri

L’iniziativa culturale sostenuta dal Comune per promuovere la lettura e il mondo dell’editoria quest’anno compie dieci anni. Dal 16 al 20 novembre la città ospiterà i dibattiti e le presentazioni delle ultime novità in libreria, con un programma denso di appuntamenti dal centro storico ai quartieri di periferia

di Freestocks, da Unsplash

Parte il conto alla rovescia per l’edizione 2022 di Bookcity, l’iniziativa culturale sostenuta dal Comune di Milano per promuovere la lettura e il mondo dei libri che quest’anno compie dieci anni. Dal 16 al 20 novembre la città ospiterà l’undicesima edizione, tra dibattiti e presentazioni delle ultime novità editoriali, con appuntamenti dal centro storico ai quartieri di periferia.

La conferenza stampa di presentazione con il programma si terrà il 24 ottobre. Dopo le edizioni a tema “Afriche” (2019), “Terra Nostra” (2020) e “Dopo” (2021), quest’anno BookCity, «intende dare voce e spazio a tutto ciò che è ibrido, senza l’inutile pretesa di definirlo, ma con la curiosità di esplorarlo: per questo motivo, il tema scelto per l’undicesima edizione è “La vita ibrida”, un argomento attuale, figlio della complessità contemporanea», spiegano gli organizzatori.

«Il mondo di oggi è ibrido. Ibrido il lavoro, ibrida la vita, sempre più scissa tra online e offline, ibride la comunicazione e la narrazione, ibridi sono l’identità e i generi, ibrida è l’esperienza delle nuove generazioni e, dall’alba dei tempi, ibride sono le culture. In un mondo alla ricerca di semplificazioni rassicuranti, la parola ibrido può spaventare; eppure, ibrido è da sempre il terreno più fertile per il germogliare della cultura e delle arti: ibrido è un invito alla contaminazione feconda delle discipline, all’attraversamento degli steccati della conoscenza, un et et che si sostituisce all’aut aut».

L’edizione 2022 espanderà la sua presenza sul territorio cittadino, creando poli tematici diffusi nei diversi quartieri per portare il libro e la lettura ovunque, non soltanto nel centro. Prosegue così il cammino della kermesse milanese che da dieci anni ha cambiato la geografia della città, portando la cultura più vicino ai cittadini.

Il progetto è nato nel 2012 dalla volontà comune dell’amministrazione e del mondo editoriale, attraverso la Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Feltrinelli, Fondazione Mauri, Fondazione Mondadori, riunite nella Associazione BookCity presieduta da Piergaetano Marchetti, con la collaborazione delle associazioni di editori, librai e bibliotecari. Una iniziativa frutto della sinergia tra pubblico (che fornisce molti degli spazi) e privato (con le fondazioni e gli editori che producono gli eventi), senza dimenticare l’importante contributo del terzo settore. BookCity innesca così percorsi di cittadinanza attiva, dagli operatori culturali alle centinaia di volontari, fino ai cittadini.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter