Appello per la LiberazioneL’iniziativa per un maggiore sostegno all’Ucraina da parte di Ue e Italia

Negli ultimi quattordici mesi le armi e le munizioni inviate a Kyjiv hanno permesso di frenare l’avanzata russa. Per questo motivo Valerio Federico di +Europa e altri hanno presentato un’istanza per chiedere a Bruxelles, agli Stati membri e soprattutto a Roma, di accelerare il sostegno militare a chi si difende dai criminali di Putin

di Elena Mozhvilo, da unsplash

APPELLO, in occasione del 25 aprile, per la liberazione e per un maggiore sostegno militare all’Ucraina da parte dell’Unione europea, degli Stati membri e, in particolare, dell’Italia.

Le armi e le munizioni inviate all’Ucraina hanno permesso di frenare l’occupazione russa.

In considerazione della situazione di sostanziale stallo sul campo e del ruolo decisivo che potrebbe avere un aumento delle forniture militari all’Ucraina, al fine di evitare nuove avanzate russe e al fine della liberazione dei territori illegalmente occupati.

In considerazione degli aiuti – militari, finanziari ed umanitari – per i quali l’Italia risulta tra i donatori meno generosi, e dei soli aiuti militari per i quali l’impegno dell’Unione europea, con le proprie istituzioni e con accordi bilaterali degli Stati membri, è stato inferiore alla metà dell’impegno dei soli Stati Uniti.

CHIEDIAMO alle istituzioni dell’Unione europea, agli Stati membri, e in primis all’Italia, di accrescere e accelerare il sostegno industriale militare, l’acquisto comune di mezzi e di munizioni, l’addestramento dei militari ucraini, la fornitura di armi ed equipaggiamenti.

La resistenza ucraina va necessariamente sostenuta di più e presto.

CHIEDIAMO altresì che il 25 Aprile – Festa della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo – sia l’occasione per promuovere un maggiore e accelerato sostegno alla resistenza ucraina per la liberazione dall’occupazione russa, con tutti i mezzi utili allo scopo.

Simona Benedettini
Alessandro De Nicola
Valerio Federico
Giorgio Gori
Sandro Gozi
Oles Horodetskyy
Luigi Marattin
Massimiliano Melley
Vittorio Emanuele Parsi
Federico Pizzarotti
Ivan Scalfarotto

Per sottoscrivere: [email protected]

Firma qui.

Altri firmatari:
Facebook

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter