Camillo di Christian RoccaPrimo campionato regolare

Ora che il più forte calciatore del mondo – scippato con scasso a corredo dell'operazione che ha retrocesso la Juve in serie B ed eliminato il resto delle avversarie – è passato al Barcellona, la Serie A torna a essere un campionato regolare,

Ora che il più forte calciatore del mondo – scippato con scasso a corredo dell’operazione che ha retrocesso la Juve in serie B ed eliminato il resto delle avversarie – è passato al Barcellona, la Serie A torna a essere un campionato regolare, anche se gli indossatori di scudetti altrui potranno ancora contare su un bel giocatore come Eto’o, il prestito di Hleb e 48 milioni di euro come contropartita di quella clamorosa stagione. I Cobolli e i Gigli, va ricordato, regalarono Ibra per 24 milioni di euro, circa 50 in meno della cifra odierna, per poi comprare Tiago e Almiron.
Che il prossimo sarà il primo campionato regolare dal secondo scudetto capelliano della Juventus si capisce da un paio di altre cose. Indossatori e Milan sembrano costretti a guardare i bilanci. E, soprattutto, la Juventus ha fatto una campagna acquisti per rafforzare la squadra, non per indebolirla. Complimenti per Diego e Felipe Melo, e spero che questo Caceres sia davvero buono (io non l’ho mai visto, ma mi stupisce che non ne parli Montero). La squadra mi pare ottima, ricca ed equlibrata. Un terzino sinistro non serve, Molinaro (e De Ceglie vanno benissimo).
Due punti di domanda: riuscirà Ciro, il nostro Benedetto Croce, a gestire tutti gli attaccanti? Io la vedo dura.
Mi preoccupa anche il terzino destro. Mi pare poco credibile che si possa fare tutto il campionato e fin dove si arriverà in Coppa con Zebina (che a me piace) e Grigera (lasciamo stare). Zebina viene da due o tre anni di presenze più o meno zero.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter