Club HouseLa foto dell’anno – e il buon proposito

Il neozelandese Brad Thorn allunga la mano verso l'argentino Santiago Fernandez per aiutarlo a rialzarsi. Lo scenario è quello della Rugby World Cup che gli All Blacks hanno vinto lo scorso ottobr...

Il neozelandese Brad Thorn allunga la mano verso l’argentino Santiago Fernandez per aiutarlo a rialzarsi. Lo scenario è quello della Rugby World Cup che gli All Blacks hanno vinto lo scorso ottobre, dopo 24 anni di agoniata attesa. Nuova Zelanda e Argentina si sono affrontate ai quarti di finale e i Pumas, al solito, diedero filo da torcere all’avversario, pur perdendo.

Lo scatto è stato eletto foto dell’anno per il mondo ovale. Il vittorioso che si ricorda dello sconfitto e nel più normale dei gesti – ma non necessariamente il più scontato -, gli concede l’onore delle armi. Leader di noi stessi quando portiamo la palla, essere pronti a dare con generosità il nostro miglior sostegno agli altri (Vittorio Munari). Parole che piacciono ai più, ma sono pochi quelli che possono permettersi il lusso di comprenderle. L’essere rugbisti (o l’esserlo stato) aiuta.

Buon 2012 a tutti.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter