FuoriserieDesperate Housewives e il finale rovinato

Se siete tra i pochi fortunati che sono riusciti a evitarsi lo spoiler di Desperate Housewives avete tutta la mia invidia. Onestamente non so come abbiate fatto, era in prima pagina su Repubblica.i...

Se siete tra i pochi fortunati che sono riusciti a evitarsi lo spoiler di Desperate Housewives avete tutta la mia invidia. Onestamente non so come abbiate fatto, era in prima pagina su Repubblica.it e su moltissimi altri giornali, era gridato nei titoli e corredato di tanto di fotografia del personaggio oggetto dello spoiler. Ma ce l’avete fatta, bravi. Ora chiudete questa pagina, allontanatevi il più possibile da qui e non continuate la lettura di questo post onde catapultarvi anche voi nell’orribile mondo dei finali svelati.

+++SEGUE SPOILER++++

Per tutti gli altri eccoci qui. Insomma Mike Delfino morirà. La notizia è rimbalzata di blog in blog, di tweet in tweet, di giornale in giornale nella giornata di ieri. La fonte è certa, George Parkins, producer della serie, che l’ha dichiarato in tribunale durante il processo che vede la produzione della serie citata da Nicolette Sheridan, l’ex Edie Britt. L’ex casalinga si è lamentata del licenziamento e della morte del suo personaggio a suo avviso legata a battibecchi e maltrattamenti avvenuti sul set. Di tutta risposta George Parkins ha sostenuto che le morti di personaggi anche importanti fanno parte della serialità televisiva, tanto più di Desperate Housewives dove i colpi di scena sono una costante. Come quello che vedrà la morte di Mike, in una delle prossime puntate.

Grazie, grazie tante signor George Parkins. Avevamo proprio bisogno di sapere il finale prima di vederlo. Lo spoiler è una brutta bestia, che potrebbe pesare adesso sugli ascolti delle ultime puntate che mancano (otto, per chi la guarda in contemporanea con l’America) per concludere l’ottava e ultima stagione. Mettiamoci l’anima in pace e andiamo a scoprire di che morte il nostro Mike dovrà morire (a onor del vero, alcuni spoiler dicevano anche questo, ma ve lo tralascio).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta