Mondo CalcioEuro 2012. La Spagna è la squadra più costosa. L’Italia vale poco.

Chi vincerà gli Europei di Polonia e Ucraina? I bookmaker, che di probabilità un po’ se ne intendono, puntano ancora sulla Spagna, campione uscente, (quotata a 3.50), seguita a breve distanza dalla...

Chi vincerà gli Europei di Polonia e Ucraina? I bookmaker, che di probabilità un po’ se ne intendono, puntano ancora sulla Spagna, campione uscente, (quotata a 3.50), seguita a breve distanza dalla Germania (quotata 4 a 1).

La cosa sorprendente – o forse semplicemente il logico presupposto – è che le due nazionali favorite sono anche quelle più costose della competizione.

Secondo una graduatoria stilata da Pluri Consultoria, società di analisi di mercato con sede in Brasile, le rose di Spagna e Germania sono quelle che valgono di più in termini di quotazione di mercato dei rispettivi giocatori. Messe assieme le furie rosse valgono 653 milioni di euro contro i 469 milioni della Germania e i 394 dell’Inghilterra.

Insieme le prime tre squadre della graduatoria (guarda caso, le stesse Federazioni che occupano le prime tre posizioni del ranking Uefa) costituiscono il 40 per cento del valore totale delle 16 squadre impegnate a Euro 2012, pari a circa 3,8 miliardi di euro.

E l’Italia? In questa speciale classifica la selezione guidata da Prandelli è solo sesta con un valore di mercato di 306 milioni, ossia meno della metà di quello degli spagnoli. Meglio degli azzurri fanno anche la Francia (quarta con 344 milioni) e il Portogallo (quinto con 332 milioni).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta