KahlunniaCOMING OUT: tra Bersani, Grillo e Berlusconi voterei Berlusconi

Ho sperato che Renzi ce la facesse. Ho sperato (e spero) che Giannino scendesse in campo. Ho sperato (e spero) che Renzi e Giannino facessero qualcosa insieme. Ho sperato che Italia Futura non si a...

Ho sperato che Renzi ce la facesse. Ho sperato (e spero) che Giannino scendesse in campo. Ho sperato (e spero) che Renzi e Giannino facessero qualcosa insieme. Ho sperato che Italia Futura non si alleasse con partiti anziani. Ho sperato che Monti facesse di più per equità e crescita. Ho sperato che il Parlamento permettesse a Monti di realizzare gli obiettivi che si era preposto. Ho sperato che non si facesse di tutta l’erba un fango: ci sono alcuni parlamentari ed ex ministri che hanno lavorato bene. Il loro contributo, sempre che non siedano da troppo in Parlamento, può essere ancora importante. Ho sperato, e spero, che un’ondata liberale riscaldasse il gelido invero politico-culturale italiano, ma per ora, come ricordava Muchetti sul Corriere di oggi, questo non è avvenuto. Ho sperato, sì: ho sperato.

La mia speranza, però, non è servita a un granché. A sinistra una coalizione che non voterei neppure sotto tortura. Una coalizione che rischia di implodere sotto la pressione dei costanti compromessi. A destra, un partito, che vuole fare le primarie a tutti i costi non rendendosi conto che il suo elettorato non è un elettorato da primarie. E’ un elettorato che crede nella democrazia come valore fondamentale (estremisti a parte), ma che allo stesso tempo ritiene che un assemblea dei soci, o un consiglio di amministrazione, decidano in maniera altrettanto democratica che un elettorato che vota alle primarie. Al centro la solita roba. E poi da qualche parte c’è quel fondamentalista di Grillo. Nei suoi confronti, mi scuso, ma ho un pregiudizio.

Se questo è lo scenario; se ad oggi ancora non c’è un Giannino che tiri fuori gli attributi per proporre all’Italia il programma di Fermare il Declino mixato con il programma proposto da Renzi; se tutti fanno calcoli di sorta finalizzati al raggiungimento del potere perché, io, dovrei votare loro? A questo punto preferisco il più coerente: Berlusconi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta