Laboratorio SiciliaLa sparata di Zichichi:« Sarei felice se la Sicilia fosse piena di centrali nucleari»

Inizia con il botto il neo assessore ai Beni Culturali della regione Sicilia, il fisico-scienziato Antonino Zichichi. «Sarei felice se la Sicilia fosse piena di centrali nucleari. Centrali sicure e...

Inizia con il botto il neo assessore ai Beni Culturali della regione Sicilia, il fisico-scienziato Antonino Zichichi. «Sarei felice se la Sicilia fosse piena di centrali nucleari. Centrali sicure e controllate, costruite da veri scienziati», avrebbe detto ai microfoni de La Zanzara, radiotramissione cult su Radio24.

Un’affermazione che ha sollevato un polverone all’interno della maggioranza di Rosario Crocetta, e, sopratutto, ha imbarazzato il Pd, big sponsor della nuova giunta. Giovanni Panepitanto, parlamentare regionale del Pd, non ci sta, e diffonde un comunicato al vetriolo:«Ricordiamo all’assessore Zichichi che la Sicilia ha già detto ‘NO’ al nucleare, con un ordine del giorno presentato dal Partito Democratico e votato dall’Assemblea Regionale Siciliana il 20 gennaio 2010». E poi, continua Panepinto, «con quel voto l’Ars ha impegnato il governo regionale a ‘contrastare qualsiasi ipotesi di installazioni di centrali nucleare nell’isola’. Siamo certi che l’assessore Zichichi non ha parlato a nome del governo ma a titolo personale, e che in futuro terrà in considerazione la volontà del parlamento siciliano».

giuseppealberto.falci@gmail.com

Twitter: @GiuseppeFalci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta