La salute del serpenteNasce la superagenzia del farmaco: Aifa e Nas siglano un accordo

Il crimine farmaceutico. E', fra i crimini, uno dei più odiosi, perchè si truffa, si inganna e si espone ad un ancor maggior rischio chi di per sè è già debole per una malattia che lo ha colpito. M...

Il crimine farmaceutico. E’, fra i crimini, uno dei più odiosi, perchè si truffa, si inganna e si espone ad un ancor maggior rischio chi di per sè è già debole per una malattia che lo ha colpito.

Ma la filiera del farmaco che fino ad ora presentava alcune lacune di controllo, da oggi sarà protetta da un lungo filo spinato che ostacolerà gli ignominiosi traffici sulla salute.

Infatti l’AIFA e i Carabinieri del NAS, nelle persone di Luca Pani e di Cosimo Piccinno hanno firmato un protocollo operativo per tutelare la filiera del farmaco, dalla materia prima alla confezione finita.

Tutte le fasi di vita di una medicina verranno monitorate: la produzione, l’immissione in commercio, la distribuzione, la dispensazione e la distruzione, per evitare che contaminazioni con farmaci illegali o pericolosi possano inquinare i farmaci buoni.

Saranno attentamente valutati anche quelli destinati all’esportazione, i prodotti intermedi, i prodotti medicinali sfusi e parzialmente confezionati, i principi attivi, medicinali sperimentali, medicinali preparati industrialmente, prodotti intermedi destinati ad ulteriore trasformazione, medicinali preparati in farmacia, emoderivati e medicinali immunologici, farmaci ad azione stupefacente e psicotropa, farmaci ad azione dopante, così come la pubblicità sanitaria e l’informazione scientifica.

Con questo protocollo da ‘mission impossible‘, il ruolo di Tom Cruise e degli altri agenti sarà coordinato e strutturato da un ‘intelligence‘ che analizzerà i dati relativi all’andamento delle malattie e alle terapie da seguire.

Anche la contraffazione e la vendita di farmaci mascherati da integratori alimentari, o preparati erboristici, vestiti da dispositivi medici o cosmetici, gli anabolizzanti e le smart drugs illegali reperibili online diventeranno la mira della superagenzia.

Il protocollo formalizzato oggi pone l’Italia in una posizione di preminenza in campo internazionale e rappresenta la risposta operativa del nostro Paese all’adesione alla Convenzione “MediCrime”, siglata a Mosca nell’ottobre del 2011, che consentirà di combattere concretamente il crimine farmaceutico in tutte le sue forme dalla contraffazione all’immissione nel mercato di principi attivi di dubbia provenienza, dalle truffe “farmaceutiche” all’abuso di farmaci non terapeutici.

Questo il commento di Cosimo Piccinno, Comandante dei Carabinieri dei NAS.

Ci si aspetta molto dal connubio Ministero, AIFA, NAS Carabinieri” sottolineano i vertici dei dipartimenti del Ministero della Salute, Filippo Palumbo e Romano Marabelli, “in quanto il nuovo approccio operativo, derivante dall’analisi delle situazioni concrete, non potrà che consentire al Ministero di meglio interpretare i dati della farmacoutilizzazione, di incidere significativamente sul fenomeno degli sprechi in Sanità e di monitorare i prodotti borderline a garanzia della sicurezza alimentare”.

Mission possible” a raggiera ci auguriamo!

Se vi è piaciuto il post potete seguirci su Facebook e su Twitter.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta