Il Grande SatanaWindows Phone e Blackberry: è già gara per il terzo posto

Il 2013 si prennuncia un anno molto caldo sul fronte mobile. Il 30 gennaio arriverà la nuova piattaforma Blackberry 10, quella con cui Research in Motion punta a colmare l'enorme divario che si è c...

Il 2013 si prennuncia un anno molto caldo sul fronte mobile. Il 30 gennaio arriverà la nuova piattaforma Blackberry 10, quella con cui Research in Motion punta a colmare l’enorme divario che si è creato con i due concorrenti in lotta per il primo posto, iOS e Android. Da quanto si può vedere in Rete dei nuovi dispositivi L-Series, l’azienda canadese sembra aver lavorato molto sull’interfaccia e proporrà, assieme ai modelli con tastiera fisica QWERTY (per non scontentare gli irriducibili della digitazione a raffica: se avete un amico con un Blackberry sapete a cosa mi riferisco), dei modelli interamente touch.

Che cosa c’entra Microsoft con tutto questo? Guardate questo grafico di Business Insider Intelligence e provate a domandarvi chi è in questo momento l’avversario più prossimo di RIM

Eventuali scossoni tra i due leader a parte -l’eventuale discesa in campo di Amazon con uno smartphone-, secondo il rapporto Windows Phone è ben posizionato, in prospettiva, per poter aspirare alla medaglia di bronzo. Ma Rim, che sulla nuova piattaforma si gioca la sopravvivenza (e sembra esserne ben conscia, considerato quanto sta mettendo in campo in termini di comunicazione) non starà a guardare. Sarà un caso ma, anche se i dispositivi ancora non sono ancora disponibili, già cominciano a fioccare i primi test di confronto. Quella che vedete sotto è una sfida in velocità di caricamento di siti mobile tra il prototipo Blackberry e un HTC 8x

 https://www.youtube.com/embed/17t-_tr7UuU/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Non è esattamente un test di laboratorio, certo, per quelli dovremo aspettare il 2013. Ma dall’altra parte dell’oceano stanno già affilando i coltelli.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta