L’errore in rassegnaGli sms che ci fanno cadere in tentazioni sbagliate

Per una volta, ma non fateci l'abitudine, lo spunto per il blog mi arriva da qualcosa di corretto. E non parlo del caffè (che, comunque, non bevo mai). Nella stessa sera ho ricevuto, addirittura, d...

Per una volta, ma non fateci l’abitudine, lo spunto per il blog mi arriva da qualcosa di corretto. E non parlo del caffè (che, comunque, non bevo mai). Nella stessa sera ho ricevuto, addirittura, due sms con po’ scritto correttamente. E sono rimasta positivamente sorpresa di ciò. Perché, e capita di farlo spesso, soprattutto negli sms, per condensare tutto nel numero massimo di caratteri, po’ lo scriviamo come . Diciamo pure praticità, perché, in realtà, sono molti a ignorarne la forma corretta. Po’ si scrive rigorosamente e tassativamente con l’apostrofo perché si tratta del troncamento di poco. Perciò, scrivetelo corretto e “messeggiatelo anche”. Ma se per sms vi dovesse scappare questo … capiremo (faremo finta di capire) che si tratta solo di caratteri insufficienti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta