Fortezza BastianiIl generale Abrate saluta i militari italiani in Kosovo

Stamane, a pochi giorni dal termine del suo mandato, il generale Biagio Abrate, capo di Stato maggiore della Difesa, ha fatto visita al contingente italiano impegnato in Kosovo per portare il suo ...

Stamane, a pochi giorni dal termine del suo mandato, il generale Biagio Abrate, capo di Stato maggiore della Difesa, ha fatto visita al contingente italiano impegnato in Kosovo per portare il suo personale saluto di commiato ai militari impegnati nell’ambito delle forze NATO KFOR dell’Operazione “Joint Enterprise”. Lo riferiscono fonti della Difesa italiana.

Dopo aver incontrato il personale del Comando KFOR e del Reggimento Carabinieri Multinational Specialized Unit (MSU) a Pristina, il Generale Abrate, accolto dal Colonnello Ascenzo Tocci, Comandante del Multinational Battle Group West (MNBG-W), l’unità a guida italiana deputata al controllo dell’area Ovest, ha incontrato tutto il personale di stanza a Villaggio Italia a Pec.
Prima di decollare per il rientro dall’Aeroporto AMIKo di Djakovica, ha salutato gli uomini e le donne dell’Aeronautica Militare lì in servizio.

Il capo di SMD, durante gli incontri, ha rivolto un sentito plauso per il costante impegno con il quale, da oltre un decennio, viene garantita l’attività operativa e di supporto nel teatro balcanico, nonché i suoi personali ringraziamenti per quanto fatto durante il suo periodo alla guida della Difesa.

In particolare, nell’incontro con il personale italiano a Villaggio Italia, ha manifestato la propria soddisfazione per l’impegno profuso ed i risultati conseguiti in Kosovo, evidenziando anche come «il lavoro svolto dagli uomini e dalle donne appartenenti a tutte le Forze Armate e all’Arma dei Carabinieri è sempre molto apprezzato da tutte le Autorità politiche e militari, nazionali ed internazionali, ma soprattutto dalle Autorità e dalla popolazione del Kosovo».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta