Banana MarketsMps: se i Pm danno ragione a Giuliano Ferrara

Insomma ha ragione il direttore del Foglio, Giuliano Ferrara, che in questi istanti su Twitter è scatenato: «Chi è il demente di turno capace di negare dopo la chiusura delle indagini che lo scanda...

Insomma ha ragione il direttore del Foglio, Giuliano Ferrara, che in questi istanti su Twitter è scatenato: «Chi è il demente di turno capace di negare dopo la chiusura delle indagini che lo scandalo Montepaschi è una bufala colossale?» si chiede. E ancora: «Il Fatto e Repubblica hanno cavalcato in concorrenza e in combutta lo scandalo Mps del millennio. Grillo ha messo lo zampone. Vi vergognate?». Ferrara non risparmia nemmeno il presidente di Rocca Salimbeni: «Forse Alessandro Profumo dovrebbe fare una riflessione sul trattamento gogna della banca che guida. Non mi pare complice dei media impazziti». 

Ricapitolando: per il sostituto procuratore Antonino Nastasi, titolare dell’inchiesta sullo scandalo Mps, intervenuto oggi in conferenza stampa «non sono stati rilevati comportamenti penalmente rilevanti” ne evidenziati “vantaggi personali” o “tangenti”» nell’acquisizione di Antonveneta. Niente fondi neri, niente finanziamento illecito ai partiti come qualcuno ha lasciato trapelare neanche troppo tra le righe in questi mesi roventi. 

Il procuratore della repubblica di Siena, Tito Salerno, ha poi ammesso che l’inchiesta sull’acquisizione di Antonveneta è nata in seguito alle voci ricorrenti e alla lettura dei giornali. Una volta tanto che i media non rincorrono i magistrati, verrebbe da dire. Intanto, i legali di Giuseppe Mussari in una nota sottolineano: «Nessuna delle contestazioni formulate nei confronti del nostro assistito, nemmeno quella relativa all’asserito abuso di informazioni privilegiate, ipotizza una strumentalizzazione a fini di profitto, personale o altrui, dei poteri discendenti dalla carica di presidente di Banca Mps».

Dopo la conferenza stampa rimangono parecchie domande inevase: quei tre miliardi in più pagati dall’istituto di credito toscano acquisire la banca patavina, dobbiamo pensare siano un clamoroso errore di valutazione da parte del top management? E ancora: cosa ha detto ai pm senesi Emilio Botìn, numero uno del Banco Santander che ha venduto Antonveneta a Mps? Che le esternazioni di oggi rappresentino una strategia ben precisa dei pm?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta