Mercato e LibertàPiù sovranità, ovvero più arbitrio

Segue da qui.   Che la sovranità interessi le classi dirigenti non deve stupire: è un eufemismo per 'potere', e che un politico voglia più potere non sorprende. Ma quali vantaggi porta la sovranità...

Segue da qui.

Che la sovranità interessi le classi dirigenti non deve stupire: è un eufemismo per ‘potere’, e che un politico voglia più potere non sorprende. Ma quali vantaggi porta la sovranità, e per quale motivo il cittadino dovrebbe desiderarla per i suoi politici?

Sovranità fiscale, ovvero danneggiare i giovani

La politica, soprattutto in paesi clientelari come l’Italia, tende a favorire gli interessi concentrati, di breve termine e organizzati contro gli interessi diffusi, di lungo termine e divisi. Il debito è un monumento alla miopia della politica e alla strategia elettorale di fornire benefici immediati e visibili a chi può votare, a fronte di costi futuri, nascosti, e a danno di chi non può difendersi.

Sovranità monetaria, ovvero danneggiare i risparmiatori

La politica monetaria trasferisce ricchezza dai detentori di moneta e dai risparmiatori verso i debitori, di norma lo Stato e le banche. Garantendo la continua disponibilità di liquidità a buon mercato, sabota gli incentivi delle banche a controllare i rischi, e fornisce ulteriori motivi ai governi per non fare le riforme. La ‘sovranità monetaria’, degli stati e della BCE, è facilmente abusabile. Vedremo nel prossimo articolo che ‘denaro’ a buon mercato, banche protette e stati irresponsabili hanno avuto il ruolo che zolfo, carbone e salnitro hanno nei fuochi d’artificio, ma lo spettacolo non è stato altrettanto bello.

Svalutazioni competitive, ieri e oggi

Per decenni in Italia abbiamo preso sul serio l’idea che i salari fossero ‘variabile indipendente’. La realtà è che un decennio di ‘bonaccia’ economica ha fatto aumentare il costo del lavoro senza alcun aumento della produttività, riducendo la competitività del paese. Per ‘risolvere’ il problema, i tre governi che si sono susseguiti hanno… aumentato le imposte.

Negli anni ’70 e ’80 l’Italia aveva gli stessi problemi: un sistema istituzionale debole e un mercato del lavoro rigido. La ‘soluzione’ trovata furono le svalutazioni competitive, cioè la svalutazione del lavoro degli italiani per ridurre i loro salari in termini di merci estere.

Negli anni ’70 si poteva forse capire che si facesse ricorso alla svalutazione: si faceva concorrenza agli altri paesi europei, e la differenza tra guadagnare (a prezzi di oggi) mille euro in Italia e mille e cinquecento in Germania non era enorme. I fan della svalutazione competitiva, cioè del procrastinare le riforme strutturali e sostituirle con espedienti da quattro soldi, non notano che oggi la concorrenza è con il Bangladesh, e ce ne vuole per rendere competitivi i salari italiani, quando la differenza non è il 50% ma il 500%: la concorrenza va fatta su capitale e tecnologia: non mezzucci, quindi, ma riforme strutturali.

Limitare la sovranità

La libertà è l’insieme dei limiti al potere, soprattutto il potere politico, il più vasto e pericoloso. La sovranità è quindi un concetto di cui diffidare, che sottende una visione assolutistica del potere.

Sul lato fiscale è auspicabile che l’UE non possa indebitarsi, come è auspicabile che non possano, o possano farlo limitatamente, gli stati membri: la crescita non ne risentirà negativamente, perlomeno nel lungo termine, e ammesso che ci siano benefici di breve termine nella politica fiscale, con una posizione debitoria ragionevole la libertà di manovra per politiche anti-cicliche rimarrebbe. Inoltre l’UE non deve garantire i debiti nazionali, pena il ripetersi della precedente bolla speculativa sugli spread nel prossimo futuro.

Sul lato monetario occorre limitare la ‘sovranità’ della BCE: è stato l’euro ad aver creato gli squilibri che hanno portato all’attuale crisi. Il potere monetario, come quello fiscale, va vincolato nell’interesse dei cittadini, e contro l’interesse delle classi dirigenti. Per capire questo punto occorre chiedersi se però l’euro potrà mai funzionare, che è l’argomento del prossimo articolo. La risposta è purtroppo affermativa tecnicamente e probabilmente negativa politicamente.
Pietro Monsurrò

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta