Vanilla LatteGelato al gusto di cannabis? Potrebbe farlo Ben & Jerry’s

In alternativa all'ormai inflazionatissima scelta del cono/coppetta con fiordilatte e fragola, e in sostituzione del famigerato “gusto puffo”, potrebbe presto prendere forma l'ipotesi del gelato al...

In alternativa all’ormai inflazionatissima scelta del cono/coppetta con fiordilatte e fragola, e in sostituzione del famigerato “gusto puffo”, potrebbe presto prendere forma l’ipotesi del gelato al gusto di marijuana. Ad annunciarlo non è un piccolo produttore artigianale dalle nostalgie hippy, né un gelataio che condivide la medesima passione del rapper Snoop Dogg, bensì Ben Cohen e Jerry Greenfield. Che, per chi non li conoscesse, sono due mostri sacri del mercato dei gelati su scala mondiale, in quanto ideatori, fondatori e responsabili del brand “Ben & Jerry’s”, alias uno dei principali attori del settore.

I capi dell’azienda nata nel 1978 a Burlington, nello Stato del Vermont, e oggi operante con successo in tutto il mondo (Italia compresa, da alcuni anni), sono recentemente stati ospiti dall’Huffington Post a stelle e strisce, per un’intervista aperta alle domande degli utenti web. Alla esplicita richiesta – sottoposta online da Jeremy Simpson – sulla possibilità di dare vita al gusto di “cannabis commestibile”, nonché “disponibile dove è legale (ovviamente)”, i due non si sono tirati indietro. Anzi, senza imbarazzo alcuno, hanno risposto che l’eventualità non è così remota. “Secondo me ha senso”, ha affermato Ben Cohen alla presentatrice Alyona Minkovski. “Unisce i vostri piaceri”. Più titubante, almeno in apparenza, il socio Jerry, che però non ha escluso a priori il singolare consiglio: “Ben e io abbiamo avuto precedenti esperienze con le sostanze stupefacenti, e penso che legalizzare la marijuana sia una cosa bellissima”, ha dichiarato. “La decisione non spetta a me. Dipendesse da me, lo farei, ma fortunatamente abbiamo menti più sagge a capo della compagnia che si occupano di queste cose”.

La responsabile delle pubbliche relazioni di Ben & Jerry’s ha successivamente specificato, con una mail a CNBC, che al momento non vi sono piani, da parte del marchio, di intraprendere tale percorso. “La verità è che non c’è alcunché di avviato su quel fronte, né sul piano delle proposte né dello sviluppo, per quando concerne un preparato al gusto di cannabis”, ha evidenziato Kelly Mohr. Insomma, la probabilità che un gelato al sapore di marijuana targato Ben & Jerry’s venga lanciato sul mercato ad ampia distribuzione, al momento, appare ancora remota. Ma non è detto che i vertici del marchio, magari dopo aver dato un’occhiata ai numeri delle vendite di prodotti alimentari al gusto di marijuana nel solo Colorado nel 2014 (5 milioni di prodotti totali), non decidano di cambiare idea.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta