Carla Ardizzone
Big city life
6 Dicembre Dic 2015 1326 06 dicembre 2015

Generazione sfiga

Streets Lights San Francisco Backpack Large

Ci hanno chiamati Generazione Y, oggi si parla di Millenials. Molto si è detto di noi. Bamboccioni, Choosy e via dicendo, ma non si è mai azzeccata la definizione giusta. Poi è arrivato Tito Boeri che ha esplicitato cose che già avevamo subodorato, immaginato, temuto. Non si beccherà una lira (oops, euro) di pensione. Finiremo di lavorare, probabilmente, a più di 70 anni, sempre che la salute ci assista. Il che sarebbe anche accettabile se le condizioni lavorative non fossero quelle che sono oggi. E’ chiaro che immaginare per lo meno altri 40 anni di lavoro malpagato e semi-schiavista (a patto di averne uno), finché demenza senile non ci separi, non ci tira proprio su il morale.

Non si è mai azzeccata la definizione giusta, dico io. Ma è chiaro e lampante cosa siamo, solo che nessuno ha mai osato guardarsi allo specchio e dirselo per primo.

“Anvedi che sfigato!”

Siamo la generazione sfiga. Ma non è stata proprio proprio colpa nostra. Non del tutto almeno. E’ necessario che voi, che siete nati prima del 1980 e dopo il 2001, capiate quali traumi ci hanno reso così.

#1 Anni ‘80: l’ infanzia

Iniziamo dal primo momento: la nascita. Mamma e papà avevano i capelli cotonati e ci cantavano gli Spandau Ballet. E questo già è abbastanza spaventoso.

Abbiamo mosso i nostri primi passi con un solo idolo: Cristina D’Avena. I cartoni animati giapponesi ci hanno accompagnato per mano verso sogni d’amore, d’eroismo e perché no, di masochismo. La strega di Biancaneve? Nulla a confronto dell’allenatore di pallavolo di Mimì Ayuara e Mila Azuki.

Nel frattempo, si cercava ancora di capire bene come gestirla, questa televisione. Non esistevano di certo fasce protette. Ecco quindi che tra la sigla di Georgie e quella di Lupin veniva fuori la terribile, ansiogena, traumatica pubblicità contro la propagazione dell’AIDS. Occhi senza pupille che neanche il peggiore film horror ti guardavano bianchi dalla tv lasciandoti morire di terrore a poco più di 6 anni. Quando si sono accorti che forse era un po’ troppo, hanno scelto il ben noto spot dell’alone rosa che si propaga per la città che neanche la peste bubbonica.

Si, abbiamo capito il messaggio: questa AIDS fa schifo. E, mi raccomando:

“Se vedete siringhe in cortile non toccatele, e se vengono i drogati a darvi caramelle bianche non le prendete”

Ci vedevamo già con gli occhi bianchi e l’alone rosa intorno, all’uscita di scuola.

Il genere horror comunque piaceva, piaceva molto, e non solo alle pubblicità progresso di allora. E’ per questo che, appena ripresi dal colpo dello spot contro l’HIV, spuntavano le scene dell’ultimo film tratto dal libro di Stephen King, “IT”, diviso in più puntate (equivalenti a più spot, e quindi mesi di tortura). Non basta?

Dirò solo un nome: Laura Palmer. Chi l’ha uccisa? Alla fine si é saputo, ma solo dopo che l’immagine del cadavere della poveretta tra la plastica e di un nano demoniaco si è fissata bene in testa di tutti i bambini nati negli anni 80.

#2 Anni ‘90: l’ adolescenza

Siamo finalmente diventati adolescenti, e in fin dei conti gli anni ‘90 spaccavano. C’era Beverly Hills 90210 e il suo mondo patinato, Meg Ryan che sussurrava storie d’amore al cinema, c’erano le Dr.Martins ai piedi e le ragazze di Non è la Rai. I Giochi senza Frontiere.

Finché...boom!

La generazione sfiga cominciò a percepire che qualcosa stava cambiando

Sarà stato perché quel giudice, Giovanni Falcone, è stato fatto saltare in aria. Oppure perché quell’altro giudice, Paolo Borsellino, è stato ammazzato. O forse perché è arrivato quel nuovo signore, quello che fa il giovane ma non è giovane, che ha cominciato a parlare di un nuovo miracolo italiano. Ma l’unico miracolo di cui ci ricordiamo, è stato veder progressivamente sparire Lorella Cuccarini e Pippo Baudo: al loro posto, si faceva strada Maria de Filippi . La televisione dei quiz e degli show è diventata la televisione degli insulti, dei reality show e dell’apparenza a tutti i costi nel giro di qualche anno.

Non tutto andava male: abbiamo ricevuto in regalo il primo telefonino e inventato un nuovo modo di comunicare. Ci facevamo squilletti che volevano dire “ti penso”, ci scrivevamo sms pieni di K e giravamo in Scarabeo senza casco.

Abbiamo cominciato la bella tradizione autunnale di occupare la scuola senza che, in realtà, ci fregasse qualcosa di occupare la scuola, tantomeno del governo, e neanche dell’ultima riforma scolastica. Eravamo ribelli, tanto ribelli da ascoltare i Nirvana e mettere la Kefiah al collo, per poi comportarci esattamente come tutti gli altri. Pomiciavamo in aula magna, durante l’ ora del cineforum in autogestione, mentre girava la pellicola di: “Come te nessuno mai”.

#3 Anni 2000: i vent’anni

Auguri! La generazione sfiga ha compiuto la maggiore età!

Abbiamo preso la patente, abbiamo salutato il 2000, abbiamo iniziato a cercare informazioni su internet e a scaricare musica su Napster. Senza mai ammetterlo, abbiamo cominciato a seguire il Grande Fratello e Uomini & Donne. Ci siamo innamorati online, scrivendoci nelle chat, e ci mandavamo le e-mail. E poi abbiamo cominciato ad assaporare le nostre città fino a tardi, ballando House, Commerciale, Techno, Elettronica in discoteca a passo di Ecstasy.

Finché...boom!

La generazione sfiga non si è più sentita libera di sognare.

Sarà stato perché due aerei si sono schiantati sui grattacieli di Manhattan. Avevamo letto sui libri che la guerra esiste, e lo avevamo visto in TV con gli americani in Iraq e la guerra in Kosovo. Ma mai così da vicino ci siamo sentiti sotto tiro. Sarà stato che da quel momento nulla è stato più come prima.

Ci abbiamo provato però, non si può dire di no. C’è stato chi si è iscritto all’università, c’è stato chi, dopo la scuola, ha iniziato a lavorare. Intanto il mondo stava cambiando rapidamente, troppo rapidamente. Per prima cosa, ci siamo trovati dimezzate le 10mila lire in tasca: sono diventate per magia 5 euro, che non ci compri neanche il Big Mac. Incastrati da una riforma 3+2 dell’università come minimo invalidante, chi ha scelto di studiare ha passato dentro agli atenei gli anni in cui il mondo del lavoro si è rivoluzionato. Si è entrati che si sognava il posto fisso come mamma e papà, si è usciti che non c’era più bisogno di noi.

#5 Anni 2010: i 30 anni

Stiamo crescendo? La generazione sfiga, incredula, guarda crescere i primi capelli bianchi e formarsi le prime rughe intorno agli occhi. Cos’è questa storia? Cristina D’Avena non ci aveva avvisato che anche noi saremmo diventati adulti. E che adulti. Avevamo appena iniziato a deprimerci che...

Boom! La crisi finanziaria. Disoccupazione giovanile al 40%.

Il treno era perso, andato: potevate pensarci prima, dovevate laurearvi prima, ora non è più tempo di laurea, oggi devi saper fare qualcosa, oggi se esci a 28 anni con una laurea da 110 e lode sei finito, fallito, ritardato, un rifiuto della società marchiato per sempre sul CV dal lato oscuro della forza. Facciamo le valigie?

Non bastava l’ansia da prestazione di chi si è ritrovato con i nonni che hanno fatto la seconda guerra mondiale, e con i genitori che hanno fatto il sessantotto. Noi? Noi non abbiamo fatto un bel niente, in fondo in fondo, a parte comprare prodotti di consumo e inventare Facebook. Abbiamo però di sicuro molto subito. Del resto, abbiamo avuto la sfiga di nascere millenials, nel medioevo tra gli psichedelici anni ‘80 e i 2010 a 4g. Non eravamo preparati, non lo siamo mai stati. Oggi abbiamo trent’anni, e cerchiamo di sfangarla.

Noi che abbiamo smesso di votare, che ci lamentiamo in continuazione, che abbiamo nostalgia del passato, che abbiamo paura dei terroristi, che non siamo capaci di impegnarci in amore e che non facciamo figli perché, in realtà, ci sentiamo ancora figli.

Un poeta un giorno disse: libertà é partecipazione. Ma noi non abbiamo mai partecipato a niente che fosse un progetto comune. Noi siamo l’autoreferenziale immagine allo specchio di noi stessi. In fin dei conti, siamo la generazione sfiga.

I nostri fratelli minori ne sono usciti. Ci hanno guardato diventare trentenni e hanno pensato:

“Di sicuro, non potremo mai diventare più sfigati di voi”.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook