E Radio Padania vieta il tricolore

E Radio Padania vieta il tricolore

Sono giorni tesi sulle bacheche leghiste dopo i moniti antisecessione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E accanto a molti militanti padani, sono apparsi sempre più numerosi i “provocatori” che sostengono addirittura l’esistenza dell’Italia e la sua unità. Così sulla bacheca di Radio Padania c’è stato bisogno di una stretta da parte degli amministratori, e le nuove regole sono state pubblicate (vedi foto). Sarà bannato (cancellato, insomma) ogni utente che scriverà frasi offensive nei confronti dei politici leghisti e chi «pubblica il tricolore». Motivazione? «I colori forti disturbano il layout della pagina e istigano all’aggressività. Abbiamo notato che il bianco e verde rilassa, ma il rosso fa incavolare i tori…».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta