Bruxelles cede alla tentazione degli eurobond

Bruxelles cede alla tentazione degli eurobond

Apertura del Financial Times sugli eurobond: dopo vari dinieghi, uno studio della Commissione europea che uscirà mercoledì ne elenca i vantaggi. Ecco quali: http://goo.gl/ApOIf

Sempre sul Ft la larghissima vittoria di Mariano Rajoy, leader del partito popolare iberico, alle elezioni di ieri con 187 seggi su 350 in Parlamento. http://goo.gl/Esl4w

La soluzione per il salvataggio dell’Europa non è l’imposizione di governi tecnici ma un programma di quantitative easing, scrive Wolfgang Munchau sul Ft. http://goo.gl/FBjID

Anche la prima pagina del Wall Street Journal è dedicata agli eurobond. Il quotidiano americano ne elenca gli aspetti tecnici: un’emissione garantita percentualmente da ognuno degli stati membri non implica un cambiamento dei Trattati. http://goo.gl/SdsNq

Il direttore degli studi economici dell’Hudson Institute, Irwin Stelzer, scrive sul Wsj che i mercati non sono rimasti impressionati dal cambio di governo in Grecia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Italia. Ecco perché: http://goo.gl/KC4Ns

Secondo il Wsj alcuni diplomatici europei sarebbero al lavoro per proporre un seggio di rappresentanza dell’Europa presso il Fondo monetario internazionale di Washington: http://goo.gl/tA6pr

Sul Washington Post il fallimento del supercomitato bipartisan composto da 12 membri del Congresso per studiare come tagliare 1.200 miliardi di debito Usa in 10 anni. http://goo.gl/heqKC

Sul magazine The Atlantic la condanna della violenza della polizia contro gli studenti di Occupy Wall Street: «difficile guardare simili immagini e pensare di essere in America», scrive il mensile Usa. http://goo.gl/g6au3

Sul Guardian il piano di David Cameron e Nick Clegg per investire 400 milioni di sterline nella costruzione di 16mila case, per fronteggiare la più grave contrazione del mercato immobiliare inglese dal 1920. http://goo.gl/d2uMu

Anche sul Telegraph la proposta di Cameron e del vice Clegg, che comprende un aiuto finanziario alle giovani coppie nell’acquisto della prima casa. http://goo.gl/6bVkj

Sul quotidiano economico La Tribune un’interessante infografica sul numero dei fallimenti delle Pmi transalpine nei primi nove mesi 2011 rispetto al 30 settembre 2010. Uno scenario non confortante. http://goo.gl/0TUuj

Su Liberation lungo ritratto del nuovo premier Mariano Rajoy e del suo trionfo di ieri, ma il quotidiano progressista non manca di sottolineare la sua aggressività quando era all’opposizione. http://goo.gl/Tyzv8

Sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung lungo ritratto di Joseph Ackerman, ex numero uno di Deutsche Bank che ha dovuto dire addio alla presidenza del Consiglio di sorveglianza del principale istituto tedesco. http://goo.gl/jmuLV

Con una serie di infografiche El Paìs spiega i numeri, la composizione delle Camere e i papabili nuovi ministri dell’esecutivo guidato da Mariano Rajoy. http://goo.gl/AJVTi

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta