Cresce il costo del lavoro, ma va più in tasse che in salario

Cresce il costo del lavoro, ma va più in tasse che in salario

Il costo del lavoro in Europa sale. Nel terzo trimestre: più 2,6% rispetto al 2010 (2,9% nell’industria, 2,2% nelle costruzioni e il 2,6% nel terziario). Solo l’Irlanda ha segno meno. Ma a crescere non è tanto il salario, quanto la componente di tasse e contributi: in Italia, rispettivamente, l’1,9% contro il 2,9%. I dati nella nostra infografica (fonte Eurostat).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta