E Wikipedia fa morire Nigel Farage, il parlamentare anti euro

E Wikipedia fa morire Nigel Farage, il parlamentare anti euro

Clicca qui per leggere la descrizione della “morte”

Nigel Farage, l’europarlmentare inglese famoso per i suoi attacchi alla tecnocrazia europea e alla sua bassa predisposizione a passare per le urne, è morto oggi cadendo dalle scale di scala sua. Il deputato dell’UK Indipendent party ha battuto la testa prima di essere portato al Royal Brompton Hospital dove è morto. O meglio, questo è quello che scrive Wikipedia nella sua edizione in inglese, come mostriamo qui sopra. O meglio, Farage, come spiega a Linkiesta la sua assistente Annabelle Fuller sta benissimo e si trova, come Mark Twain, nella condizione di poter affermare che «la notizia della mia morte è alquanto esagerata»

Quello che scrive l’enciclopedia online, dice Mrs Fuller, «è puro nonsenso, ci ho parlato anche poco fa al telefono. È disgustoso, soprattutto considerando che ha già ricevuto minaccie. E comunque a questo punto dovremo dirlo alla polizia».

Insomma, tutta una bufala alla quale la stessa Wikipedia ha messo rimedio mentre lavoravamo alle dovute verifiche prima di scrivere queste righe. Niente di meglio allora che consolarsi guardando uno dei suoi discorsi più celebri all’europarlamento dove, con il suo eloquio divertente in puro spirito Westmister, dove la battuta e l’ironia sono le qualifiche su cui si gioca la portata di un discorso politico, prendono ancora una volta a bersaglio il grigiore dei tecnocrati bruxellesi. Insomma Farage è vivo e vegeto, è l’euro che resta malato. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta