Il governo Berlusconi? Caduto per colpa dei meridionali

Il governo Berlusconi? Caduto per colpa dei meridionali

Non c’entrano lo spread, la crisi, la speculazione finanziaria. Se Silvio Berlusconi è stato costretto a dimettersi, la colpa è dei parlamentari meridionali. L’interessante spunto non è opera di un leghista qualsiasi, ma del presidente dei deputati padani in persona: Marco Reguzzoni. “Avevamo fatto un’alleanza con il Pdl in senso federale – ha detto stamattina il dirigente della Lega – ma c’è stata una fuoriuscita di parlamentari. Deve far riflettere il fatto che su 47 di loro, 40 sono stati eletti da Roma in giù”. Insomma, una vera e propria lobby terrona. Reguzzoni è vittima di una deformazione professionale o, peggio, di un’ossessione? Lui è convinto di no. Per il capogruppo leghista la responsabilità dei deputati meridionali è fin troppo evidente: “Con la manovra dovevamo incidere sulle false pensioni di invalidità, sugli sprechi, sulle migliaia di euro che vanno via ogni giorno in rivoli. E’ chiaro che il Sud si è rifiutato di cambiare”.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta