Monti è diventato un politico. E se la prende con il Cav.

Monti è diventato un politico. E se la prende con il Cav.

Alla faccia del tecnocrate. Questa sera Mario Monti è intervenuto alla Camera e, dismessi gli abiti del professore, si è scoperto un politico navigato. Nel suo discorso prima del voto sulla manovra è riuscito, nell’ordine, a presentarsi agli italiani come il salvatore della Patria, ingraziarsi il Parlamento e attaccare il suo predecessore Silvio Berlusconi. “Il rischio è massimo” ha ricordato il premier. Ma grazie al decreto del suo governo, possiamo stare tranquilli. “In assenza di questo intervento di emergenza – ha spiegato Monti – sarebbero a rischio i risparmi degli italiani, soprattutto quelli piccoli, il benessere accomunato da generazioni”. Poi l’ammiccamento ai partiti, cui il premier è grato perché in questi giorni hanno fornito “un prezioso contributo”. Ultima la stoccata al Cavaliere, in perfetto stile politico. Riferendosi alle frasi di Berlusconi, presente in Aula, Monti ha chiarito: “Ho letto stamattina che sarei disperato. Non è così. Sono pieno di speranza e vi invito a condividerla”.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta